Campania, la regione con il più alto tasso di femminicidi - InfoOggi.it

Breaking News
  • Brasile, Dilma Rousseff destituita dal Senato
  • Sale a 294 il bilancio delle vittime del sisma
  • Terremoto, registrate due scosse forti nella provincia di Macerata
  • Usa, Trump in Messico per incontrare presidente Pena Nieto e discutere di immigrazione
  • Sequestrate otto aziende nel Catanzarese per violazione delle normative ambientali
  • Tunisia, scontro tra autobus e tir: almeno 14 morti e circa 50 feriti
  • Napoli, spari in pieno centro: un morto nel Rione Sanità
  • Milano, bimbo denutrito dopo dieta vegana affidato ai nonni materni
  • Calciomercato, ultime ore di trattative: Juve, è fatta per Witsel e Cuadrado. Maksimovic al Napoli
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Campania, la regione con il più alto tasso di femminicidi

Campania, la regione con il più alto tasso di femminicidi
0 commenti, , articolo di , in Cronaca

NAPOLI, 8 MARZO 2013 - In una giornata commemorativa come quella di oggi, ove dignità, rispetto e memoria sono all’ordine del giorno, vengono fuori dati allarmanti e preoccupanti che riguardano proprio le donne. Da un’indagine basata purtroppo sulla veridicità di fatti, la Campania è una delle regioni più a rischio, e solo nell’anno 2012 conta quindici casi di femminicidio, di cui nove nel cuore della città capoluogo.

A dar voce a questo scempio di era contemporanea è Angela Cortese, consigliere regionale del Pd e relatrice della legge regionale contro la violenza di genere. Intenzionata ad istituire una giornata alla sensibilizzazione verso questo tema così “scottante”, che in un Paese come il nostro è letteralmente in antitesi dichiara: «Secondo la triste conta delle donne uccise, quella di Napoli è la provincia in cui le donne muoiono di più per mano degli uomini e la Campania in questo senso è l'area più violenta d'Italia: ben 15 omicidi in un anno».

Il lungo discorso continua: «Per questo spero che la Regione Campania decida di commemorare la Giornata internazionale della Donna finanziando finalmente le leggi regionali di contrasto alla violenza di genere e quelle per l'apertura dei centri antiviolenza. Questo è l'unico modo in cui un'istituzione può dimostrare concretamente di essere vicina alle proprie cittadine».

E conclude affermando: «Il mio auspicio per l'8 marzo è che la Giornata internazionale della Donna non venga mai più commemorata senza finanziare le leggi regionali di contrasto alla violenza di genere e i centri antiviolenza. La Regione Campania non dev'essere una vetrina di bei principi e nobili intenzioni, ma ha il dovere di garantire e tutelare concretamente quei diritti sanciti costituzionalmente, sostituendo gli atti concreti alle forme senza sostanza».

(fonte: www.campariedemaistre.com)

Rosalba Capasso

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image