Morto escursionista genovese disperso sul Mont Chétif - InfoOggi.it

Breaking News
  • Grecia, bomba esplode nell'auto dell'ex premier Papademos: sarebbe fuori pericolo
  • Tensioni Gb-Usa, Trump prova a stemperare con l'annuncio di una inchiesta sulla fuga di notizie
  • Regeni, stasera su Rai3 il documentario sul giovane ricercatore ucciso in Egitto
  • Giro d'Italia 2017, a Ortisei trionfa Tejay van Garderen. Dumoulin sempre più padrone della corsa
  • Segrate, spara alla moglie per strada e poi tenta suicidio. Gravissima la donna
  • Trenitalia, nuovi orari dall'11 giugno con nuovo Frecciarossa da 900 posti
  • Manchester, attentatore suicida: "probabilmente radicalizzato in Libia"
  • Roma, Malagrotta: incendio in un deposito rifiuti
  • Unicef, appello al G7: nel Mediterraneo muore un bambino migrante al giorno
  • Morto l'astrofisico Giovanni Bignami
  • Taormina, città pronta per il G7
  • Tar Lazio boccia i direttori stranieri dei musei italiani: "Non potevano partecipare"
  • Blue Whale, presunto caso a Torino per tagli su braccia e labbra
  • Afragola, uomo trovato morto in auto
  • Bologna, incidente in A14: morta una trentenne
  • Manchester Arena: esplosivo identico a stragi Parigi e Bruxelles
  • Brasile, manifestazioni contro Temer: schierato esercito
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Morto escursionista genovese disperso sul Mont Chétif

Morto escursionista genovese disperso sul Mont Chétif
0 commenti, , articolo di , in Cronaca

TORINO, 30 DICEMBRE - Morto Bruno Spotorno, l'escursionista originario di Genova, cinquantuno anni, disperso da ieri nella zona del monte Bianco.

Il corpo è stato ritrovato in un canalone sotto il Mont Chetif, vetta che l’alpinista aveva raggiunto nel primo pomeriggio di ieri, le 13 circa, e dalla quale aveva inviato una foto alla moglie con la statua della Madonna situata sulla stessa vetta.

La salma è stata trasportata a Courmayeur. La ricerca dell’uomo era partita in seguito all’allarme lanciato dalla moglie, e ha visto coinvolti soccorso alpino valdostano, vigili del fuoco, 118 e uomini della guardia di finanza, ad un altitudine di circa 2300 metri.

Il cellulare di Spotorno, intercettato con l’autorizzazione della magistratura della Valle d’Aosta, non mandava più alcun segnale: da ieri non aveva agganciato alcuna cella. Probabilmente l'uomo era caduto in una zona d'ombra per il telefonino. Spotorno era partito da solo per scalare lo Chetif lungo la ferrata.

 

Luna Isabella

(foto da meteoweb)

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image