Gela, scoperta Stonehenge italiana - InfoOggi.it

Breaking News
  • Legge elettorale, Grillo apre al modello tedesco
  • Napoli, omicidio al pub nella Riviera Chiaia
  • Genova, Papa Francesco incontra gli operai dell'Ilva
  • G7: Trump non terrà la conferenza stampa alla conclusione dei lavori
  • Tripoli: assalto al carcere dove è detenuto il figlio di Gheddafi, almeno 52 morti
  • Palermo, bimbo di un anno muore soffocato da un'oliva
  • Rai, terminato incontro tra Campo Dall'Orto e Padoan: il manager si è dimesso
  • Egitto, attacco a cristiani copti: bilancio provvisorio tra i 25 e i 35 morti
  • Il G7 ed i nodi tra Germania ed Usa. Le ragioni del vertice più delicato
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Gela, scoperta Stonehenge italiana

Gela, scoperta Stonehenge italiana
0 commenti, , articolo di , in Cronaca

GELA, 09 GENNAIO - Un gruppo di amici, appassionati di archeologia, si è imbattuto in un sito archeologico risalente a migliaia di anni fa, poco lontano dalle necropoli preistoriche di Grotticelle, Ponte Olivo e Dessueri, vicino Gela.

Media britannici come l’Independent e The Local hanno paragonato il sito, in termini di utilizzo e significato, a Stonehenge, sito archeologico inglese risalente al 3.000 avanti Cristo. Si tratta di un megalite forato dagli uomini nel periodo preistorico, adibito a calendario per misurare le stagioni e i solstizi rapportandosi ai movimenti del sistema astrale.

Gli esperti l’hanno definita una delle scoperte più significative per comprendere l’età preistorica e hanno stabilito che la pietra-calendario risale a un periodo tra il 6.000 e il 3.000 avanti Cristo. "Alle 7,32 - quando il sole è iniziato a sorgere - i raggi hanno illuminato in modo perfetto la pietra forata.

Mentre il drone si avvicinava, mantenendo il più possibile l'asse a 113 gradi è stato filmato quel fascio di luce che attraversava il foro proiettandosi sul terreno. Ciò che riusciamo a registrare da terra è sorprendente, l'esperimento è riuscito", hanno raccontato gli esperti del gruppo che ha partecipato alla verifica.

Così Giuseppe La Spina, uno dei membri del gruppo, rispondendo ad un giornalista: “Fare una scoperta archeologica è sempre un evento importante, ma essere parte di uno dei ritrovamenti più sensazionali degli ultimi anni mi riempie di orgoglio”.

 

Luna Isabella

(foto da travelmyne.com)

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image