Mattarella a Reggio Emilia per festeggiare la nascita del Tricolore - InfoOggi.it

Breaking News
  • Reggio Calabria: adesca minore, denunciato
  • Londra: alcuni residenti rifiutano di lasciare le case a rischio d'incendio
  • Rai, Fazio: contratto da 2,2 mln annui per passare su Rai1
  • Concerto Vasco: 20mila persone raggiungeranno Modena in treno
  • Cresce il divario tra Nord e Sud: l'Italia delle due velocità
  • Temperature in rialzo, dieci città da bollino rosso
  • M5s avverte: 'Se Raggi patteggia via il simbolo
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Mattarella a Reggio Emilia per festeggiare la nascita del Tricolore

Mattarella a Reggio Emilia per festeggiare la nascita del Tricolore
0 commenti, , articolo di , in Politica

REGGIO EMILIA, 7 GENNAIO – Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è stato accolto a Reggio Emilia dalla banda della Folgore e dagli studenti, a quali ha consegnato delle copie della costituzione italiana, in occasione delle cerimonie dedicate alla Giornata nazionale della Bandiera e al 220 esimo anniversario della nascita del Tricolore.

In piazza Prampolini il Capo delo Stato è stato poi ricevuto dal sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi, dal presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, e alle altre autorità civili e militari, per prendere parte all'alzabandiera e all'esecuzione dell'Inno Nazionale.

"Il valore dell'unità nazionale non va vissuto con uno sguardo al passato, ma deve essere considerato con lo sguardo al futuro", le parole del presidente della Repubblica, che nel corso della giornata ha avuto modo di ribadire il valore dell'unità nazionale "basato sull'importanza della storia comune", da considerare "non tanto con lo sguardo al passato, ma verso il futuro, sulla capacità di costruire il futuro concreto del nostro popolo".

Un omaggio, durante il breve saluto finale di Mattarella, è stato dedicato all’ex Presidente Ciampi: "Il valore dell'unità nazionale ha avuto momenti di arretramento: è stato indebolito nel periodo in cui la deformazione del concetto di patria e di nazione con il fascismo ha indebolito anche la condivisione popolare. Si è ripresa, come diceva un grande italiano che è mancato poco tempo fa come Ciampi, l'8 settembre '43: da quel momento si rilancia il valore della patria e dell'unità nazionale".

Maria Azzarello

 

[fonte immagine: Gazzetta di Reggio]

Maria Azzarello

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image