Polizia: Catanzaro; Siulp a prefetto, "reparto mobile in citta'"  - InfoOggi.it

Breaking News
  • Trump propone storico aumento spese militari, domani primo intervento al Congresso
  • Vibo Valentia: trovato cadavere, amico confessa omicidio
  • Il testamento di Dj Fabo: 'La mia vita non ha più senso'
  • Starbucks, Schultz: "In Italia è finita in un gioco politico"
  • Scissione Pd, Bersani: "Il regista è Renzi"
  • Omicidio Kim Jong-nam: donne accusate rischiano pena di morte
  • Usa, piccolo aereo precipita su case: 4 morti
  • Samsung, vice presidente Lee incriminato per corruzione
  • Strage Berlino, genitori di Fabrizia: "Germania insensibile". Escluso risarcimento
  • Brexit: da metà marzo stop ai cittadini europei
  • Spazio: nel 2018 due turisti sulla Luna
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Polizia: Catanzaro; Siulp a prefetto, "reparto mobile in citta'" 

Polizia: Catanzaro; Siulp a prefetto, \
0 commenti, , articolo di , in Societa'

CATANZARO, 11 GENNARO - Istituzione di una sezione del reparto mobile nel capoluogo mantenimento degli uffici della Questura nel centro storico. Queste alcune richieste che la segreteria provinciale del sindacato di Polizia Siulp ha sottoposto al Prefetto di Catanzaro che ha ricevuto una delegazione composta dai segretari Carmelo Lufrano, Gianfranco Morabito ed Antonio Trovato. 

"In particolare - secondo quanto si legge in una nota del sindacato - il Siulp si e' soffermato sulla necessita' di implementazione degli organici e dei mezzi della Polizia di Stato nell'ottica delle nuove e sempre piu' attuali esigenze connesse al fenomeno dell'immigrazione e del conseguenziale controllo del territorio. In tale contesto - si sottolinea - il Sindacato ha rilevato l'esigenza divenuta ancor piu' inderogabile di istituire una sezione del Reparto Mobile di Reggio Calabria nella citta' capoluogo, anche in considerazione del fatto che la struttura Polifunzionale di Cavita puo' agevolmente ospitare il Personale da destinare alla suddetta sezione senza, quindi, che cio' comporti impegni di spesa difficilmente sostenibili nell'attuale contesto economico".

Il Siulp ha messo in evidenza, in piu', come "cio' consentirebbe di liberare energie dalle varie articolazioni della Questura attualmente gravate da onerosi compiti di impiego nei servizi di ordine pubblico. La delegazione ha, inoltre, sottolineato l'opportunita' che l'apparato di prevenzione sia adeguatamente commisurato alle reali esigenze di sicurezza del capoluogo anche per fornire adeguate e giuste risposte alle richieste avanzate in tal senso dai cittadini abitanti sia nei quartieri periferici che nel centro storico catanzarese.

In tale contesto - e' scritto - il Siulp ha espresso forti perplessita' in ordine ad un paventato ed ipotetico trasferimento di gran parte degli uffici ubicati nella Questura di Piazza Santa Caterina presso il plesso del Polifunzionale. Tali perplessita' hanno origine nella convinzione che il ruolo di centralita' territoriale della Questura contribuisce a fornire oggettivo riscontro alle esigenze di sicurezza richieste dagli abitanti e dalle associazioni dei commercianti del centro storico e quindi concorre ad accrescere l'immagine della Polizia nella cittadinanza. Peraltro la lenta, continua e perdurante spoliazione istituzionale a cui da tempo e' sottoposta la citta' capoluogo, ed in particolare il suo nobile centro storico - scrive il Siulp - non puo' e non deve ulteriormente coinvolgere l'apparato deputato alla sicurezza per eccellenza, in virtu' del fatto che la vicinanza degli uffici istituzionali, stante la grave condizione socio/economico che non facilita la gestione delle numerose manifestazioni di protesta, e' indispensabile per un ottimale coordinamento nella gestione dell'Ordine e della Sicurezza Pubblica". 

Rispetto alle carenze di mezzi in dotazione alla Polizia di Stato, "particolare attenzione - si legge - e' stata indirizzata alla necessita' di dotare l'Ufficio Misure di Protezione di veicolo blindati indispensabili per ottemperare ai servizi di scorta e tutela a garanzia sia dei colleghi addetti ai servizi di scorte che delle personalita'. Ultima questione affrontata - continua la nota - e' quella relativa alla necessita' di uniformare ed ottimizzare i servizi sostitutivi della mensa di servizio degli Uffici gia' dichiarati quali sedi disagiate, rispetto ai quali sono state rilevate disparita' di trattamento nell'ambito del medesimo comprensorio territoriale". La delegazione Sindacale ha ringraziato il Prefetto Luisa Latella, "oltre che per l'estrema cordialita' e per l'attenzione dimostrata rispetto alle rivendicazioni rappresentate, anche e soprattutto per l'impegno assunto in ordine ad un suo autorevole interessamento per la risoluzione delle tematiche esposte".

Redazione

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image