Presepe vivente di Ispica (RG), la magia del Natale tra fede, storia e natura - InfoOggi.it

Breaking News
  • Turchia, Erdogan: emessi 188 mandati di cattura
  • Moschea al-Aqsa, Abu Mazen convoca i vertici dell'Olp e di al-Fatah
  • Russiagate: al vaglio le transazioni finanziarie del presidente Trump
  • Napoli, ucciso in un agguato ragazzo di 22 anni. Era vicino al clan Paparella
  • Bariano, uccisi due nordafricani. Forse per regolare i conti
  • Milano, avvocatessa ferita a coltellate nello studio di via dei Pellegrini. È grave
  • Grecia, sisma di 6.7 ha provocato 2 morti e 100 feriti a Kos. Mini trunami anche a Bodrum
  • Tour de France, sull’Izoard Barguil fa il bis, Froome sempre più in giallo
  • Migranti, l'Austria "avverte" l'Italia: "Pronti a chiusura Brennero"
  • Decreto vaccini, possibile conversione il legge entro il 6 agosto. Sarà decisiva la Camera
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Presepe vivente di Ispica (RG), la magia del Natale tra fede, storia e natura

Presepe vivente di Ispica (RG), la magia del Natale tra fede, storia e natura
0 commenti, , articolo di , in Eventi

ISPICA (RG) 05 DICEMBRE -  l 25 e 26 dicembre e il 1°, 6 e 7 gennaio 2017, l'area compresa tra il centro storico e la cava adiacente al Parco Forza farà da suggestivo scenario alla XIX edizione del Presepe vivente, organizzato dall'Associazione Promo Eventi con il patrocinio del Comune di Ispica.

La manifestazione - la più visitata nel suo genere in Sicilia con diciassettemila presenze nella scorsa edizione - valorizza al meglio uno scenario naturale di grande suggestione, una millenaria città di roccia che si presta all'allestimento presepiale per la sua somiglianza con i luoghi storici della Palestina.

La visita inizia al tramonto e procede per quasi un chilometro dal centro storico all'area archeologica, lungo un sentiero naturale che si snoda tra pareti di nuda roccia rischiarate dalla fiamma tremula delle torce, dai falò e dal luccichio delle stelle. Ben cento figuranti in costume d'epoca, oltre cinquanta tableaux vivants con scene di vita agro-pastorale e botteghe di antichi mestieri - bottai, stagnini, falegnami, maniscalchi, cordai, ricamatrici, ecc. - decine di ambienti tra architetture rupestri, opifici in rovina, rifugi e grotte ripopolati da uomini e animali, offrono allo spettatore un'immersione totale nell'atmosfera magica del Presepe, nel luogo e nel tempo della natività di Cristo.

Una delle novità della presente edizione è proprio la ricerca storica sottesa agli arredi e ai costumi sartoriali dei centurioni romani e dei popolani, con cui si è cercato di rendere più realistiche le scene rappresentate.

La manifestazione, oltre a valorizzare l'importante sito archeologico, intende richiamare il significato autentico del Natale, con la venuta di Gesù tra gli uomini per riaffermare il messaggio di pace e amore nei loro cuori. Un messaggio che suona come un invito all'accoglienza nelle Betlemme di oggi, contro i muri di egoismo.

La biglietteria funzionerà nei giorni di apertura del Presepe dalle ore 16.30 alle 20.30. Il ticket d'ingresso è di 3,50 euro. I bambini fino a sette anni entrano gratis. Gli organizzatori raccomandano di indossare scarpe comode, adatte al sentiero naturale. Le visite possono essere prenotate sul sito www.presepeviventeispica.com oppure telefonando al numero 333 3651348.

La fotogallery

Redazione

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image