Rifiuti, Umbria: truffa da due milioni di euro. 14 arresti - InfoOggi.it

Breaking News
  • Australian Open, Seppi vola agli ottavi. Federer show contro Berdych, tutto facile per Murray
  • Prezzi gonfiati durante i saldi a Ravenna, commercianti multati dalla Guardia di Finanza
  • Ad Amatrice sorteggio prime 25 casette
  • Hotel Rigopiano, 8 persone trovate vive. Individuati altri superstiti
  • I superstiti di Rigopiano, anche moglie di Parete: ''Cercate mia figlia''
  • Roma, Grillo: ''Giustissimo chiesa paghi Imu''
  • Milano, 7 arresti: progettavano assalto a portavalori sulla tratta Bari-Foggia
  • Milano, polemiche su dichiarazioni di Sala circa possibilità di dedicare via a Bettino Craxi
  • Padova, orge in canonica: la confessione di Don Andrea
  • Napoli, 4 arresti per omicidio 17enne a Rione Sanità
  • Trema ancora il centro Italia: 30 scosse nella notte. Si cercano i dispersi dell'hotel Rigopiano
  • Gli Usa voltano pagina: è il giorno del giuramento di Donald Trump
  • Melbourne, auto contro pedoni: tre morti e almeno 20 feriti
  • Raccomandazioni Consiglio d'Europa: Italia limiti i giudici in politica
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Rifiuti, Umbria: truffa da due milioni di euro. 14 arresti

Rifiuti, Umbria: truffa da due milioni di euro. 14 arresti
0 commenti, , articolo di , in Cronaca

PERUGIA, 30 NOVEMBRE- L’operazione “Spazzatura oro connection“ condotta in queste ore dal Corpo forestale e dalla Guardia di Finanza di Perugia ha permesso di scoprire una truffa da milioni di euro ai danni dello Stato. Le operazioni sono iniziate da sospetti incentrati in 24 Comuni ed enti pubblici, vittime di questa truffa sono stati anche molti cittadini costretti a pagare bollette per prestazioni e servizi non forniti.


Tra i 14 arrestati è presente un dirigente della Gesenu, società pubblico-privata che gestisce i servizi di nettezza urbana. Le operazioni della Guardia di Finanza hanno accertato la somma a due milioni di euro per frode fiscale e, al momento, stanno eseguendo sequestri di beni, conti correnti e quote delle società coinvolte.


Nell'indagine vengono ipotizzati i reati di associazione per delinquere, traffico di rifiuti, truffa, frode nel commercio e in pubbliche forniture, inquinamento ambientale, gestione illecita di rifiuti e violazioni alle prescrizioni ambientali.

 

Laura Carrara

Fonte Foto: notizie.tiscali.it

 

Laura Carrara

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image