Al via la settimana dei "Paesaggi agricoli" - InfoOggi.it

Breaking News

    Warning: Missing argument 1 for mostraBreakingNewsByTime(), called in /web/htdocs/www.infooggi.it/home/include/navbar.phtml on line 67 and defined in /web/htdocs/www.infooggi.it/home/include/routine.php on line 2329
  • Morto a Torino il fisico Tullio Regge
  • New York: uomo armato di accetta, viene ucciso dopo aver ferito due militari
  • Scossa di terremoto 2.3 tra Firenze e Siena, nessun danno
  • Ebola in Italia: due persone in quarantena. Avevano lavorato in Sierra Leone
  • New York: medico positivo all'Ebola, tre persone in quarantena
  • Renzi - Ue: «Speriamo di trovare un compromesso entro venerdì su Stabilità»
  • Facebook lancia Rooms, la chat anonima
  • Napolitano: «Basta austerity, in Europa bisogna cambiare»
  • Elena Ceste: indagato per omicidio il marito Michele Buoninconti
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Al via la settimana dei "Paesaggi agricoli"

Al via la settimana dei
0 commenti, , articolo di , in Eventi

ROMA, 17 OTTOBRE 2011 – Fermare lo sfruttamento dei beni comuni e riconsiderare il valore della terra e dei suoi prodotti. Questo lo scopo della settimana dei “Paesaggi agricoli”, iniziativa promossa dall’ associazione “Italia nostra”, nel nostro paese fino al 23 ottobre.

Italia Nostra nel 2008 ha lanciato la campagna nazionale “Paesaggi Sensibili” per riaffermare, nel 60° anniversario della Costituzione, il proprio impegno in difesa del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della nazione che l’articolo 9 riconosce tra i fondamenti dell’identità del Paese. Di anno in anno l’associazione si è occupata di un paesaggio “sensibile” a rischio. Nelle scorse edizioni i paesaggi protagonisti sono stati quelli “urbani”, “dal treno” e “di costa”.

Quest’anno in primo piano saranno i "Paesaggi agricoli". Come si legge sul sito dell’associazione «con questo tema, si vuole lanciare un forte allarme rivolto alla politica e alle istituzioni affinché fermino lo sfruttamento dei beni comuni, riconsiderino il valore della terra e dei suoi prodotti, grande ricchezza del nostro Paese e merce pregiata sulle tavole di tutto il mondo. Inquinamento, cementificazione, abbandono delle campagne, devastanti destinazioni dei campi per produzione energetica, perdita della biodiversità, sono alcuni dei pericoli per quel paesaggio rurale che da sempre ha reso celebre il Bel Paese».

In questa edizione a fianco dell’associazione ci sarà anche la Coldiretti, la principale organizzazione degli imprenditori agricoli a livello nazionale e a livello europeo. Quattro le sezioni dell’iniziativa: monumenti e paesaggi agrari storici, la classifica dei paesaggi a rischio, l’attacco al paesaggio agrario italiano: “le zappe nere!,“Il volto dell’Italia”: i paesaggi della bellezza, le nostre proposte per salvare i paesaggi agrari.

«Da anni assistiamo ad una devastazione incontrollata e dissennata del nostro paesaggio rurale. È necessario bloccare questo scempio perché il paesaggio, il nostro territorio, la nostra agricoltura sono
una risorsa fondamentale del nostro Paese. Il turismo, la produzione agricola, i nostri prodotti alimentari, insieme al nostro patrimonio storico e artistico rappresentano il volto dell’Italia nel mondo e l’unica vera risorsa economica del Paese capace di dare lavoro e sviluppo» ha spiegato Alessandra Mottola Molfino, presidenti di Italia nostra.

La campagna si collega, inoltre, all’impegno che durerà per tutto il nuovo anno scolastico 2011-2012 del “Gruppo educazione al patrimonio", che con le sezioni, lavora ai progetti del concorso nazionale “Il paesaggio raccontato dai ragazzi: narrazioni ed immagini nell’era digitale”.

Marika Di Cristina

 

Marika Di Cristina
Marika Di Cristina

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.
CAPTCHA Image