Strage di Dacca, uccisa mente del commando - InfoOggi.it

Breaking News
  • Napoli, esplode bombola a gas: un morto e 5 feriti
  • Roma, truccavano la manutenzione dei bus Cotral: 50 indagati
  • Milano, donna uccisa in casa: il marito confessa l'omicidio
  • Istat, Italia in deflazione: non accadeva dal 1959
  • Serie A, Fiorentina - Juventus 2-1. Quarta sconfitta per i bianconeri. Stasera Torino - Milan
  • Migranti: Ministro Minniti presenta il nuovo pacchetto sull'immigrazione
  • Trump, anche gli europei potrebbero avere delle limitazioni per i viaggi in Usa
  • India, uomo confessa di aver stuprato 500 bambine
  • Santa Maria Capua Vetere, uomo uccide la moglie e si suicida
  • Samsung: mandato d'arresto per il vice presidente Lee Jae-Yong
  • Kirgizistan: Tragedia aereo cargo turco si schianta sulle case, 32 morti
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Strage di Dacca, uccisa mente del commando

Strage di Dacca, uccisa mente del commando
0 commenti, , articolo di , in Estero

DACCA, 6 GENNAIO - La polizia antiterrorismo del Bangladesh ha ucciso nel corso di uno scontro a fuoco nel quartiere Rayer Bazar della capitale bengalese, l'uomo che si presume sia la mente della strage di Dacca del primo luglio scorso, in cui morirono 20 persone tra cui nove nostri connazionali.

Si tratterebbe dell'estremista islamico Nurul Islam Marzan, anni 30 e braccio destro del leader di una nuova fazione del gruppo Jamatul Mujahidden Bangladesh, Tamim Ahem Chaudhry, considerato il regista della strage, ucciso a colpi d'arma da fuoco lo scorso agosto in un'altra operazione delle forze speciali. Insieme a Marzan anche un altro sospetto sarebbe stato ucciso dalle forze di sicurezza bengalesi in un raid prima dell'alba.

La conferma della morte di Marzan arriva anche dal responsabile della polizia antiterrorismo, Monirul Islam, il quale alla stampa locale ha dichiarato che la mente dell'attacco all'Holey Artisan Bakery è stata individuata e uccisa.

La sera del primo luglio, un commando composto da terroristi armati di machete, kalashnikov e bombe a mano prese in ostaggio i clienti delI'Holey Artisan e alcune vittime furono uccise dopo essere state torturate, altre sgozzate perché non riuscirono a recitare i versi del Corano.

Luigi Cacciatori

Immagine da ecodibergamo.it

Luigi Cacciatori

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image