Giappone, ex dipendente si suicida per troppo lavoro: dimissioni del presidente dell'azienda - InfoOggi.it

Breaking News
  • Renzi contro tutti, Cuperlo-Damiano- Orlando sanciscono nascita nuova area
  • Omicidio Sarah Scazzi: oggi decisione della Cassazione
  • Meningite, nuovo caso a Segrate Gallera: convocata una task force
  • Morto Franco Piro, ex deputato del partito socialista
  • Assalto a un portavalori tra Avellino e Salerno, esplosi colpi: nessun ferito
  • Omicidio di Kim Jong-nam, in un video l'aggressione all'aeroporto malese
  • Immigrazione, 171 indagati per falsi permessi soggiorno in Lombardia
  • Blitz antidroga a Milano, 18 persone arrestate
  • Pd, Emiliano- Rossi- Speranza: ''Responsabilità scissione è di Renzi''
  • U2, a marzo si registra il nuovo album
  • Terremoto, due scosse nella notte a L'Aquila. La più forte di magnitudo quattro
  • Abetone, bimbo di 2 anni precipita con lo slittino. Ricoverato in prognosi riservata
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Giappone, ex dipendente si suicida per troppo lavoro: dimissioni del presidente dell'azienda

Giappone, ex dipendente si suicida per troppo lavoro: dimissioni del presidente dell\'azienda
0 commenti, , articolo di , in Estero

TOKYO, 29 DICEMBRE - Tadashi Ishii, presidente della maggiore agenzia pubblicitaria in Giappone, la Dentsu, rassegnerà le dimissioni in gennaio in seguito al suicidio di una ex dipendente, imputabile ad un eccessivo carico di lavoro.

''Siamo spiacenti di non essere stati in grado di prevenire un'abitudine ad orari eccessivamente lunghi per i nostri dipendenti. Mi assumo tutta la responsabilità e offro le mie più sentite scuse", ha affermato il presidente Ishii durante una conferenza stampa, mentre prosegue l'inchiesta del ministero della Salute e del Welfare nipponico sulle operazioni della società, già coinvolta nel 1991 in un caso analogo.

All’epoca infatti, un altro dipendente si tolse la vita per un motivo imputabile agli orari di lavoro massacranti. Una prassi che in Giappone è riconosciuta con l’espressione ‘karoshi’, letteralmente ‘morte da eccesso di lavoro’. Secondo le statistiche del governo sarebbero circa 2.000 le persone che ogni anno si tolgono la vita in Giappone, per ragioni classificabili come 'karoshi'.

Il caso in esame riguarda la ventiquattrenne Matsuri Takahashi, assunta nell'aprile del 2015 e stremata dalle centocinque ore di straordinario mensile a cui era costretta, che hanno condotto la ragazza a togliersi la vita nel dicembre dello stesso anno. Una lunga campagna mediatica promossa dalla madre di Matsuri Takahashi ha fatto riaffiorare una pratica diffusa tra i capi ufficio per mascherare gli orari eccessivamente lunghi dei dipendenti, e contrari allo statuto dei lavoratori.

 

Luna Isabella

(foto da dialogopsi.com.br)

 

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image