166° Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato - InfoOggi.it

Breaking News
  • Ritrovate gemelline scomparse in Friuli, in tanti mobilitati a Tarcento
  • Battisti: corte suprema Brasile revoca misure cautelari
  • Champions: tifoso ridotto in condizioni critiche, Liverpool, scioccati e inorriditi
  • Giorgio Napolitano: cardiochirurgo, intervento riuscito, ora aspettiamo
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

166° Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato

166° Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato
0 commenti, , articolo di , in Cultura e Spettacolo

CATANZARO, 10 APRILE - Si è svolta oggi, 10 Aprile 2018, nella provincia di Catanzaro la celebrazione del 166° anniversario della Fondazione della Polizia di Stato, con il motto celebrativo “Esserci Sempre”.

La celebrazione è stata preceduta ad inizio mattinata, in ricordo dei caduti della Polizia di Stato con la deposizione di una corona alla lapide commemorativa, posta nel cortile del Centro Polifunzionale della Polizia di via Barlaam da Seminara. Il Questore Di Ruocco, i Dirigenti e i Funzionari, alla presenza del Prefetto, si sono stretti in una commossa preghiera in memoria del sacrificio di quanti, a prezzo della vita, hanno contribuito a contrastare la criminalità. 



La cerimonia, a cui hanno partecipato le massime cariche istituzionali e religiose, si è tenuta presso l’Anfiteatro del Lungomare Europa di Soverato, ed è iniziata con la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, inviato in occasione della ricorrenza, e dei messaggi del Ministro dell' Interno e del Capo della Polizia Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Franco Gabrielli.

Toccante il momento del giuramento sul testo della Costituzione Italiana da parte degli alunni delle quarte classi delle scuole primarie di Soverato, che ha seguito il discorso del Questore, D.ssa Amalia di Ruocco, e la consegna unitamente al Prefetto di Catanzaro , Dr.ssa Francesca Ferrandino delle onorificenze agli appartenenti alla Polizia di Stato particolarmente distintisi in importanti attività operative.

A corollario della mattinata un aereo PSB-10 del V° Reparto Volo della Polizia di Stato di Reggio Calabria ha sorvolato con piroette acrobatiche l’anfiteatro nella fase finale della cerimonia.

Alla celebrazione hanno partecipato con i propri labari le sezioni di Catanzaro e Lamezia Terme dell’A.N.P.S. , che quest’anno festeggia i cinquant’anni dalla sua costituzione e, che nell’occasione ha consegnato delle pergamene al personale che è andato in pensione nel trascorso anno.

Presenti anche i labari delle sezioni locali delle Associazioni Nazionali dei Carabinieri, dei Finanzieri e dei Paracadutisti dell’Esercito Italiano.

Oltre alla città ospitante di Soverato, hanno presenziato anche i labari della Regione Calabria, della Provincia e del Comune di Catanzaro, nonché quelli di molti Comuni della Provincia catanzarese.

Nella splendida e soleggiata location del lungomare di Soverato la giornata commemorativa per l’anniversario della Polizia di Stato si è arricchita con la presenza di circa trecento alunni delle scolaresche di ogni grado di istruzione, di poliziotti e di loro familiari.

Numerose anche le presenze e le visite agli stand dove sono state messe in atto diverse simulazioni operative del Nucleo Artificieri, del Nucleo Cinofili, e della Polizia Postale e delle Comunicazioni, e della Polizia Scientifica, che quest’anno nel suo 90° anniversario è stata insignita della medaglia d’oro al merito civile per l’operato dal Presidente della Repubblica.

Consegna ricompense al personale della polizia di stato

Nel corso della cerimonia del 166° Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato si è proceduto alla premiazione degli appartenenti alla Polizia di Stato particolarmente distintisi in importanti attività operative nell’ambito dei rispettivi uffici.
Complessivamente sono stati concessi n. 2 Attestai di Benemerenza al merito Civile; conferite n. Promozioni per Merito Straordinario; n. 18 Encomi Solenni e n. 16 Lodi.
Le ricompense sono state consegnate dal Prefetto della provincia di Catanzaro, D.ssa Francesca Ferrandino e dal Questore della provincia di Catanzaro, D.ssa Amalia Di Ruocco.
__________
Pubblica Benemerenza al merito civile concessa al Vice Commissario Mario Perri

motivazione: “ con slancio altruistico, libero dal servizio, mentre si trovava su una spiaggia, interveniva in soccorso di due ragazzi che. A circa trenta metri dalla riva, si erano gettati in mare da un’imbarcazione riempitasi d’acqua a causa dell’aumento del vento e del moto ondoso.
Unitamente ad un bagnino riusciva a raggiugere i malcapitati e a trarli in salvo.
Chiaro esempio di virtù civiche e di senso del dovere”
Sellia Marina (CZ), 13 agosto 2012

Pubblica Benemerenza al merito civile concessa all’Assistente Capo Pietro Rotella
motivazione: “con slancio altruistico, libero dal servizio, interveniva in soccorso di una donna aggrappata alla ringhiera di protezione di un viadotto, con evidenti propositi suicidi.
Avvicinatosi con cautela alla malcapitata, l’afferrava saldamente, riuscendo a farla scendere e, la sorvegliava fino all’arrivo del personale sanitario.
Chiaro esempio di virtù civiche e di senso del dovere”.
Catanzaro, 12 novembre 2011

Promozione per Merito Straordinario concessa all’Ispettore Capo Federico Chirillo
motivazione: “evidenziando straordinarie capacità professionali ed eccezionale intuito investigativo coordinava un team incaricato di svolgere indagini tese all’individuazione di numerosi soggetti, gravemente sospettati di appartenere ad un’associazione camorristica dedita al traffico di sostanze stupefacenti. Nella circostanza, al termine di una complessa operazione di Polizia Giudiziaria, assicurava alla giustizia numerosi pregiudicati dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare a carico di cinquantaquattro (54) affiliati.
Chiaro esempio di abnegazione e senso del dovere”.
Napoli, 27 gennaio 2015

Promozione per Merito Straordinario concessa al Sovrintendente Capo Pantaleone Carito, al Sovrintendente Capo Romualdo Loprete, al Sovrintendente Capo Rocco Morelli e all’Assistente Capo Domenico Riccelli.
motivazione: “evidenziando eccezionali capacità professionali e straordinario intuito investigativo partecipavano ad un team incaricato di svolgere laboriose indagini su un’associazione a delinquere di stampo mafioso, dedita al traffico di sostanze stupefacenti, alle estorsioni e responsabile, altresì, di omicidio.
Nella circostanza raccoglievano importanti elementi di reità che determinavano l’Autorità Giudiziaria procedente ad emettere un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere a carico di trentaquattro (34) soggetti, degli arresti domiciliari per altri undici (11) e che disponeva l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria per ulteriori due.

Chiaro esempio di abnegazione e senso del dovere”.
Catanzaro, 14 maggio 2015

Encomio Solenne concesso per la stessa operazione al Vice Questore Aggiunto dott. Angelo Paduano, all’Ispettore Superiore Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza Pasquale Rotundo, al Sovrintendente Capo Silvano Battaglia, al Vice Sovrintendente Massimiliano Laloè, all’Assistente Capo Luca Ciriano. Encomio concesso al Sovrintendente Capo Francesco Genovese.
motivazione: “evidenziando spiccate capacità professionali e notevole intuito investigativo espletavano un’operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l’esecuzione di un provvedimento cautelare a carico di quarantasette (47) soggetti, indiziati, a vario titolo, di appartenere ad un’associazione a delinquere di stampo mafioso, dedita alla commissione di molteplici reati”
Catanzaro, 14 maggio 2015

Due Encomi Solenni cocessi al Primo Dirigente dott. Marco Chiacchera
motivazioni: “evidenziando spiccate capacità professionali e notevole intuito investigativo dirigeva un’operazione di polizia giudiziaria che consentiva di trarre in arresto alcuni soggetti, ritenuti responsabili di furti e rapine in abitazioni.
Perugia, 26 maggio 2015

“evidenziando spiccate capacità professionali e notevole intuito investigativo dirigeva un’operazione di polizia giudiziaria che culminava con l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di trentasei (36) soggetti, responsabili di associazione a delinquere finalizzata al compimento di reati in materia di stupefacenti.
Perugia, 9 ottobre 2015

Encomio Solenne concesso all’Ispettore Superiore Federico Chirillo
motivazione: evidenziando spiccate capacità professionali e notevole intuito investigativo coordinava un’operazione di polizia giudiziaria che consentiva di trarre in arresto un minorenne, responsabile del reato di omicidio.
Torre del Greco (NA), 8 agosto 2015

 

 

Encomio Solenne concesso all’Assistente Capo Coordinatore Emanuele Amato
motivazione: evidenziando spiccate capacità professionali e notevole coraggio espletava un intervento di soccorso pubblico a favore di un soggetto che, per attuare un proposito anticonservativo, minacciava di darsi fuoco con un accendino, dopo essersi cosparso di benzina”.
Palermo, 9 ottobre 2015

Encomio Solenne concesso al Sovrintendente Capo Rocco Morelli e al Sovrintendente Salvatore D’Urso.
Encomio concesso al Vice Questore Aggiunto dott. Angelo Paduano, all’Ispettore Superiore Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza Pasquale Rotundo, al Sovrintendente Capo Pantaleone Carito, al Vice Sovrintendente Massimiliano Laloè, al Vice Sovrintendente Domenico Riccelli, all’Assistente Capo Giuseppe Pedullà, all’Assistente Luigi Nisticò, all’Agente Scelto Nicola Varano.
Lode concessa al Sovrintendente Nadia Santelli
motivazione: “evidenziando spiccate capacità professionali ed acume investigativo espletavano una laboriosa indagine di polizia giudiziaria che consentiva di sottoporre a fermo di indiziato di delitto numerose persone appartenenti ad un’associazione criminale attiva in campo nazionale e internazionale, finalizzata alla commissione dei delitti di frode in competizioni sportive”.
Catanzaro, 19 maggio 2015

Encomio concesso al Sovrintendente Capo Francesco Genovese.
motivazione: “dimostrando notevole intuito investigativo e spiccate capacità professionali, coordinava un’attività di polizia giudiziaria che si concludeva con l’arresto di un soggetto responsabile di tentato furto ai danni di un esercizio commerciale e resistenza a pubblico ufficiale”.
Pavia, 3 febbraio 2016

Encomio concesso al Sovrintendente Antonio Trapasso e all’Assistente Francesco Demarte
motivazione: “evidenziando notevole determinazione operativa e capacità professionale, si distinguevano in un’attività di polizia giudiziaria che consentiva di assicurare alla giustizia gli autori di una rapina commessa ai danni di un supermercato”.
Catanzaro, 21 dicembre 2015

Encomio concesso all’Assistente Capo Gianluca Cristofaro e all’Assistente Capo Fabio Ubaldo Natangelo.
motivazione: “evidenziando notevoli capacità professionali, si distinguevano in un’attività di polizia giudiziaria che si concludeva con l’arresto di un pregiudicato, resosi responsabile di detenzione abusiva di arma da fuoco, ed il sequestro di un fucile semiautomatico con relativo munizionamento”,
Catanzaro, 25 febbraio 2016

Encomio concesso all’Assistente Capo Emanuela Brutto e all’Assistente Capo Salvatore Leggio
motivazione: “si distinguevano in un’indagine di polizia giudiziaria che si concludeva con l’arresto di due imprenditori responsabili di aver dato fuoco ai locali che dovevano ospitare la sede della loro azienda, allo scopo di incamerare l’indennizzo assicurativo, approfittando della notevole polizza stipulata a copertura del rischio”.
Evidenziavano nella circostanza, notevole intuito investigativo”.
Catanzaro, 19 febbraio 2016

Encomio concesso all’Agente Scelto Roberto Alcaro
motivazione : “evidenziando capacità professionali ed intuito investigativo espletava un’operazione di polizia giudiziaria che si concludeva con l’arresto in flagranza di reato di dieci soggetti responsabili, in concorso, di detenzione e porto di armi clandestine ed armi comuni da sparo nonché di munizionamento.
Napoli, 6 febbraio 2015

Lode concessa al Sostituto Commissario Antonio Serratore, al Vice Sovrintendente Carmine Renzo Burgo, al Vice Sovrintendete Carmelo Vincenzo Morabito Franzè, all’Assistente Capo Giovanni Gigliotti e all’Assistente Capo Silvio Zumpano.
motivazione : “si distinguevano in una indagine di Polizia Giudiziaria che consentiva di assicurare alla giustizia un sodalizio criminale dedito al traffico di sostanze stupefacenti. Davano prova nella circostanza di intuito investigativo e capacità professionale”.
Lamezia Terme, 23 novembre 2015

Lode concessa al Vice Sovrintendente Carmela De Fazio
motivazione : “per l’impiego profuso nell’espletare un’operazione di polizia giudiziaria che consentiva di assicurare alla giustizia un soggetto responsabile di atti sessuali con minore e maltrattamenti contro conviventi”.
Agrigento, 2 ottobre 2015

Lode concessa al Sovrintendente Capo Gaetano Gallo, al Vice Sovrintendente Carmine Renzo Burgo, all’Assistente Capo Coordinatore Antonio Vecchi, all’Assistente Capo Antonio Aloè ed all’Assistente Cap Silvio Zumpano.
motivazione : “per l’impegno profuso nell’espletare un’attività di polizia giudiziaria che consentiva di individuare e trarre in arresto un giovane responsabile di atti intimidatori finalizzati a richieste di carattere estorsivo ai danni di imprenditori commercianti di Lamezia Terme”.
Lamezia Terme, 29 febbraio 2016

Lode concessa all’Assistente Capo Vincenzo Fittipaldi, all’Assistente Capo Nicola Mele e all’Assistente Capo Roberto Valenti
motivazione : “dando prova di capacità professionali si distinguevano in un’attività di polizia giudiziaria che consentiva di assicurare alla giustizia tre persone responsabili di possesso ingiustificato di materiale esplodente di sequestrare 18 quintali di fuochi pirotecnici”.
Cosenza 17 dicembre 2015

Premio in denaro concessa concesso all’Assistente Capo Emilio Procopio e all’Assistente Capo Alfonso Fratto
motivazione : “a seguito di risse avvenute nel quartiere di Catanzaro Lido tra cittadini Italiani e stranieri nel marzo 2018, ponevano in essere una complessa attività di indagine che nel giro di poche ore permetteva di individuare i responsabili e i loro reconditi interessi deferendoli all’Autorità Giudiziaria per lesioni aggravate premeditazione originata da motivi razziali”.

 

La fotogallery

Redazione

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image