6 Nazioni 2015. Italia umiliata dal Galles: 20-61.

24
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ROMA, 22 MARZO 2015 – Si è conclusa ieri, allo stadio Olimpico, l'avventura dell'Italia...

ROMA, 22 MARZO 2015 – Si è conclusa ieri, allo stadio Olimpico, l'avventura dell'Italia rugby al 6 Nazioni 2015: il Galles batte 61-20 gli azzurri di Brunel nella quinta ed ultima giornata del torneo che è stato vinto dall'Irlanda.

È la peggiore sconfitta casalinga azzurra per numero di punti subiti: resterà dunque nella storia del Sei Nazioni, come resterà nella storia il terzo posto della splendida Nazionale femminile.

Il primo tempo inizia con gli azzurri che si portano in vantaggio di 3-0 grazie a Haimona. Il Galles recupera con Halfpenny che dai trenta metri mette tra i pali il calcio piazzato del 3-3.
Poi Biagi prende a due mani la touche, Charteris fa fallo e Orquera realizza il 6-3. Halfpenny pareggia i conti (6-6) e al 19' arriva la prima meta gallese (6-11) con Roberts. Gli azzurri reagiscono con una splendida meta di Venditti, la prima meta casalinga italiana in questa edizione del Sei Nazioni. Poi Orquera concretizza tra i pali il 13-11.

Il primo tempo si chiude con il calcio di Biggar che porta il Galles in vantaggio di un punto.

L'Italia nella ripresa delude lasciandosi travolgere dagli avversari che tra il 48' e il 60' vanno in meta quattro volte (Liam Williams e tripletta di North). Le mete di Faletau, Warburton e Scott Williams infliggono all'Italia il colpo finale. Gli azzurri sembrano rinascere solo negli ultimi minuti di gioco quando Sarto va in meta e Orquera trasforma per il definitivo 20-61.

Il commissario tecnico azzuro Jacques Brunel, al termine di questa partita da dimenticare, ha dichiarato: «io sono dentro la squadra, ho subìto lo stesso punteggio della squadra e anche per me è stata un'umiliazione. Dopo la vittoria con la Scozia, siamo andati indietro nelle ultime due partite. Oggi non so se siamo andati indietro rispetto allo scorso anno. Faremo un bilancio sulle nostre prestazioni, sulla gestione, sui giocatori e tutto. Adesso usciamo con un risultato incomprensibile. Ma non posso fare un bilancio ora. Lo faremo in settimana, con calma.»

Fonte foto: wikipedia

Chiara Innocenti

InfoOggi.it Il diritto di sapere