Ai domiciliari due sindaci bergamaschi per appalti truccati

by Velia Alvich in Cronaca16/04/201829
Condividi Tweet Pin it

BERGAMO, 16 APRILE – I Carabinieri e la Guardia di Finanza di Bergamo hanno messo agli arresti domiciliari due sindaci bergamaschi accusati di falsificazione di atti pubblici, abuso d’ufficio e bancarotta fraudolenta per il fallimento della società partecipata di cui erano amministratori, la Brembo Super Ski. Giuseppe Berera e Santo Cattaneo, rispettivamente sindai di Foppolo e Valleve, avrebbero orchestrato un sistema per ottenere fondi pubblici da parte della Regione Lombardia e di avere truccato degli appalti.

Secondo le ricostruzioni, i due sindaci avrebbero agito con la complicità di diverse altre persone, fra cui la moglie del sindaco di Foppolo, di un’impiegata comunale e di due professionisti. La prima sarebbe stata promotrice del sodalizio criminale, mentre i due ingegneri sembrano essere stati gli unici partecipanti e aggiudicatari del bando per la direzione dei lavori e la messa in sicurezza di una telecabina precedentemente incendiata. I professionisti sono stati temporaneamente sospesi dall’esercizio della professione nei confronti di pubbliche amministrazioni.

Inoltre, dalle indagini risulta che il due sindaci avrebbero “falsamente rendicontato spese e investimenti per circa 16 milioni e mezzo di euro”. Nel corso delle indagini è risultato anche il trasferimento di 700.000 euro da parte della Brembo Super Ski, in seguito fallita, a beneficio di una società di Hong Kong, giustificato da una presunta attività di ricerca da parte di investitori asiatici.

Tutte le persone coinvolte nell’indagine dovranno rendere conto delle accuse mosse.


[Foto: Eco di Bergamo]

Velia Alvich