Al Waleed, l'uomo più ricco d'Arabia, in carcere per non voler pagare una multa

by Alessia Panariello in Estero14/01/201825
Condividi Tweet Pin it

ARABIA SAUDITA, 14 GENNAIO – Ad inizio novembre scorso, il principe saudita Mohammed bin Salman (conosciuto come Mbs) avviò un giro di vite contro l'illegalità senza guardare in faccia a nessuno: 11 principi, membri della sterminata famiglia reale,e il noto miliardario Al-Waleed bin Talal, furono arrestati con l'accusa di corruzione. Quest’ultimo era agli arresti domiciliari all’hotel Ritz Carlton, insieme a oltrre 100 imprenditori, esponenti della casa reale e ministri.

All’inizio di questa settimana, l’uomo più ricco d’Arabia Al Waleed è stato trasferito nel carcere di massima sicurezza Al Ha'ir, a circa 40 km a Sud di Riad, perché si rifiuta di pagare una multa di un miliardo di dollari.

A pubblicare la notizia sono il tabloid britannico Daily Mail e l'americana Cnbc, che hanno ripreso un articolo pubblicato su un sito di notizie in lingua araba.

Alwaleed è senz'altro titolare di un bottino molto appetibile: il suo patrimonio è stimato in circa 18 miliardi di dollari. Sterminato l'elenco dei settori in cui si muove il 62enne uomo d'affari con i suoi investimenti, che vanno dalle banche agli hotel, dai media alla Silicon Valley. Ex socio di Berlusconi, aveva acquisito circa il 3% delle azioni Mediaset.

Si era anche vantato di avere salvato Donald Trump due volte: la prima comprando nel 1991 il suo yacht, che il tycoon aveva dato ai creditori per un debito di 900 milioni, e la seconda nel 1995 con l'acquisto dell'hotel Plaza di New York, sempre per ripianare i debiti del futuro presidente.

Fonte immagine:blogs-images.forbes.com

Alessia Panariello