Allarme del Tesoro britannico sui Bitcoin: nuove norme contro il "Rischio di attività sospette"

3
Scarica in PDF
MILANO, 4 DICEMBRE 2017 - Il Tesoro britannico intende emanare norme più severe sui Bitcoin, ...

MILANO, 4 DICEMBRE 2017 - Il Tesoro britannico intende emanare norme più severe sui Bitcoin, la moneta virtuale che in questi giorni infrange ogni record sui massimi nei mercati internazionali, per renderne più trasparente l'impiego.

La motivazione ufficiale sarebbe quella di volere impedire l'uso della criptovaluta da parte di organizzazioni criminali o evasori fiscali, attraverso una serie di emendamenti restrittivi alla legislazione Ue in materia.

Le novità sono state anticipate oggi al Daily Telegraph e si prevede che vengano adottate dal governo di Sua Maestà entro pochi giorni e che entrino in vigore tra fine 2017 e inizio 2018.

Secondo l'impianto della norma, i trader che scambiano bitcoin dovranno in particolare rendere pubblica la loro identità e saranno tenuti a denunciare eventuali "attività sospette".

Stephen Barclay, sottosegretario al Tesoro del governo di Theresa May e responsabile della riforma, ha spiegato che le piattaforme digitali su cui oggi si comprano e si vendono i Bitcoin verranno di fatto equiparate agli uffici dei cambiavalute, con obblighi per i gestori e divieto di anonimato anche per i clienti.

Daniele Basili

immagine da bitcoin.com
 

InfoOggi.it Il diritto di sapere