Alleanze, Salvini: "Incoerente un governo con il PD"

by Paolo Fernandes in Politica16/04/201820
Condividi Tweet Pin it

ROMA, 16 APRILE – In visita al monumento alla memoria della scuola “Jovine” di San Giuliano di Puglia, crollata nel terremoto del 2002, il leader della Lega Matteo Salvini ha nuovamente parlato dei possibili scenari per la formazione di un esecutivo, sottolineando come il suo partito sia pronto a guidare il governo.

“Se tutti fossero come noi il governo sarebbe già in piedi da alcune settimane, invece quasi da tutte le parti ci sono bisticci, veti, polemiche, esclusioni e preclusioni, che noi non facciamo” ha dichiarato il segretario, prima di ricordare che “l’unico no è al Partito Democratico, per serietà e rispetto degli elettori”.

Salvini ha quindi specificato che “dal livello locale a quello nazionale vogliamo fare l’esatto contrario di quello che hanno fatto loro”, definendo “quantomeno incoerente” un’eventuale alleanza di governo. Il leader del Carroccio ha poi commentato l’idea di Carlo Calenda, il quale sembrava aver paventato un esecutivo con M5S, PD e Lega, con un secco “Mamma mia! E per andare a fare cosa?”

“Cambiare la legge Fornero con chi l’ha difesa? Espellere i clandestini con chi li ha fatti entrare? No grazie: o governo per fare quello che voglio fare oppure facciano gli altri” ha quindi concluso Salvini.

Sulla proposta di un governo sostenuto da più forze politiche è poi nuovamente tornato proprio Calenda, il quale ha fornito una “interpretazione autentica” delle sue parole, con le quali aveva espresso la necessità per il PD di prendere parte ad un “esecutivo di transizione sostenuto da tutti i partiti e che duri almeno due anni”, possibilmente affiancato dalla formazione di una commissione bicamerale chiamata ad affrontare le principali riforme istituzionali.

Il ministro dello sviluppo economico ha quindi precisato di non aver mai parlato di un governo con M5S e Lega, definendo il titolo dell’intervista rilasciata a Repubblica “fuorviante”. Calenda ha infatti specificato di sostenere un esecutivo di transizione “appoggiato da tutte le forze politiche”, definendo invece “un grave errore” un patto con M5S e Lega.

Paolo Fernandes

Foto: ilsole24ore.com