Allerta Meteo: Forti temporali con grandine, ecco dove, previsioni su Nord, Centro, Sud e Isole

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
Grandine violenta imminente, ecco le zone più colpiteForti temporali saranno i generatori del...

Grandine violenta imminente, ecco le zone più colpiteForti temporali saranno i generatori della grandine prevista sia Giovedì che Venerdì. Come il mese di Maggio e Giugno, anche Luglio sembra essere iniziato con le stesse caratteristiche: intense fasi di maltempo con frequenti grandinate, alternate a giornate soleggiate e calde.

La grandine ormai è diventata una costante di tutti i peggioramenti del tempo di questi mesi; infatti essa si forma con più facilità qualora la colonna d'aria che si trova sopra le nostre teste risulta molto instabile e turbolenta. Oggi, Giovedì 5 e domani, Venerdì 6 Luglio, la situazione atmosferica sarà tale da favorire lo sviluppo di questo tipo di precipitazione.

In queste ora una perturbazione atlantica è riuscita a farsi strada al Nord, abbattendo la barriera anticiclonica ivi presente. L'aria calda preesistente e l'arrivo di quella più fresca atlantica favoriranno lo sviluppo di temporali violenti, fucina di grandinate anche importanti.

Difficile dire con esattezza le zone dove il rischio di grandinate sarà maggiore, dato che è un fenomeno molto localizzato nel territorio.

La miccia che accenderà il pericolo di grandinate sarà la formazione dei temporali. Giovedì 5, nessun settore del Nord potrà essere immune da una grandinata; dalle Alpi, alle Prealpi, alle zone di pianura, alle grandi città come Torino, Milano, Venezia, ma anche Trento, Treviso, Vicenza e improvvisa potrebbe cadere anche a Ferrara, Reggio Emilia e a Bologna.

Venerdì 6, con l'evoluzione della perturbazione verso Levante, le zone a più alto rischio di grandinate, come ci mostra la mappa allegata, saranno la Lombardia sudorientale, il Veneto come a Padova e Rovigo, ancora il Trentino e il Friuli, ma più diffusamente l'Emilia Romagna, specie sulle coste (qui con possibili formazioni di spettacolari trombe marine), e giù verso la Toscana appenninica, l'Umbria e le Marche.

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere