Autismo: App educative di supporto alla famiglia

30
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
TORINO, 14 MARZO 2014 – Da Oltralpe arriva il primo sito internet dedicato all’autismo (...

TORINO, 14 MARZO 2014 – Da Oltralpe arriva il primo sito internet dedicato all’autismo (applications-autisme.com), concepito come una “piattaforma collaborativa”, di scambio e condivisione tra parti sociali e professionali, che consente alle famiglie con bambini autistici di scaricare gratuitamente fino a cento applicazioni (app) per facilitare l’apprendimento.

L’iniziativa è promossa dall’Unapei, federazione francese di associazioni che rappresentano e difendono le persone con una disabilità mentale e le loro famiglie, Auticiel e Fondation orange. Applications-Autisme.com. In Francia infatti, 600mila persone, di cui 180mila bambini, sono colpite dall’autismo.

«Al di là del servizio fornito alle famiglie – spiega il presidente dell’Unapei Christel Prado - questo progetto permette di riconoscere il genitore come un educatore competente, che può dare aiuto a suo figlio senza passare attraverso un mediatore professionale. I genitori di figli autistici sono dei genitori come gli altri. Possono trasmettere qualcosa, partecipare all’educazione e hanno il diritto di non vedere i propri bambini come oggetti di cura, ma come una persona in divenire che arriverà fin dove potrà, se la si aiuta a utilizzare le proprie capacità».

In Italia invece, per questa grave patologia, sul fronte del servizio digitale, si segnala il buon esempio del Piemonte. Sturt-up di successo per il progetto Touch4Autism, nato dalla collaborazione tra Asl Cuneo 1, di cui fa parte il C.A.S.A. (Centro per l’Autismo e Sindrome di Asperger di Mondovì), la Fondazione ASPHI, la Fondazione Specchio dei Tempi, CRT e Cassa di Risparmio di Cuneo.
Si tratta di una applicazione anch’essa free, che ha registrato circa il 60 % di download dall’estero, attraverso la quale viene fornito all’utente un insieme di strumenti a supporto di persone affette da autismo o altri disturbi pervasivi dello sviluppo (DPS).

 

 

(Foto: applications-autisme.com)

Domenico Carelli

 

 

 

 

 

 

 

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere