Banche: Renzi, Banca Etruria un alibi per azzerare ogni critica - InfoOggi.it

Breaking News
  • Nuovi sbarchi di migranti nel sud Sardegna
  • Mediobanca acquisisce il 69% della svizzera Ram Active Investments
  • Maltrattamenti in asilo Vercelli, arrestate 3 maestre "Sberle, strattoni e trascinamenti"
  • Donna violentata e segregata per dieci anni a Lamezia Terme: arrestato cinquantenne
  • Black Friday, il centro Amazon a Piacenza annuncia lo sciopero
  • Mladic condannato per crimini di guerra dal Tribunale dell'Aja
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Banche: Renzi, Banca Etruria un alibi per azzerare ogni critica

Banche: Renzi, Banca Etruria un alibi per azzerare ogni critica
0 commenti, , articolo di , in Politica

ROMA, 12 NOVEMBRE - Il segretario del Pd Matteo Renzi ha scritto una lunga lettera alla Stampa. Cinque punti per offrire la sua ricostruzione della vicenda di Banca Etruria e del ruolo di governo e dei controllori Consob e Banca d'Italia e per sottolineare come il caso di Banca Etruria sia stato usato per zittire le critiche. 



"Caro Direttore, il pezzo di ieri e' stato rubricato come "Retroscena" ma rappresenta in realta' la versione unilaterale, e discutibile, di Banca d'Italia. Poteva tranquillamente essere rubricato come "II colloquio" o "L'intervista". O, se preferisce, "La sbobinatura". Per rispetto alla verita' dei fatti ho il dovere di smentire radicalmente la versione riportata dal Suo giornale. Non e' vero infatti che il Governo non sia stato informato per tempo dei commissariamenti delle banche in crisi, a cominciare da Banca Etruria. Ogni passaggio e' stato concordato tra Palazzo Chigi e Mef in perfetta sintonia e tutto si e' svolto in un clima di piena collaborazione istituzionale con Banca d'Italia". 

L'ex premier spiega che non c'e' stata "Nessuna freddezza legata alle vicende di Banca Etruria, nessuna mancata collaborazione: il Governo, che ha agito in modo concertato e coeso come potra' agevolmente confermare il ministro Pier Carlo Padoan, e la Banca centrale hanno cercato insieme di affrontare le numerose sfide che si sono presentate in quei mesi. Nessun problema istituzionale, dunque. Nessuno." Quindi, secondo Renzi "Il giudizio politico negativo sulla gestione degli organismi di vigilanza, che il Pd ha espresso nelle sedi proprie istituzionali al momento del rinnovo degli incarichi, non prima ne' dopo, non trae dunque spunto da presunte difficolta' istituzionali ma da una constatazione: le cose non hanno funzionato come avrebbero potuto e dovuto. Il nostro giudizio politico e' che in questi anni Banca d'Italia e Consob non abbiano garantito un sistema di controlli efficiente. E i primi segnali che vengono dalle sedute della commissione d'inchiesta rafforzano questa valutazione. 

Secondo Renzi, "Anziche' continuare a evocare la vicenda Banca Etruria, su cui pure sara' interessante nelle prossime settimane ricostruire sul serio l'accaduto anziche' usarla come comodo alibi per azzerare ogni critica, sarebbe interessante capire che cosa e' accaduto nella vigilanza sugli istituti veneti e non solo. E non bastera' cercare di scaricare in modo irresponsabile le colpe sui predecessori, piu' o meno autorevoli, come qualcuno potrebbe immaginare di fare, contro la nostra opinione".

Redazione

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image