Berlusconi intervista a Qn: coinvolgere Draghi nella polemica sulle banche è da irresponsabili.

2
Scarica in PDF
ROMA, 12 NOVEMBRE – “Vedo un tentativo di usare la questione banche a scopi eletto...

 ROMA, 12 NOVEMBRE – “Vedo un tentativo di usare la questione banche a scopi elettorali, da diverse parti. Non è così che si dovrebbe trattare un tema tanto delicato, una vicenda che ha messo a rischio e in tanti casi ha danneggiato o distrutto i risparmi degli italiani”. Cosi’ Silvio Berlusconi in un’ampia intervista che campeggia sulla prima pagina di Qn in cui chiude alle larghe intese e rilancia sulle pensioni: minime a mille euro.

“Io credo che la responsabilita’ sia sempre personale”, afferma l’ex premier sul caso delle banche: “Gettare la colpa in modo indiscriminato sul sistema bancario, o su Bankitalia, o sulla Consob non soltanto è sbagliato, ma non serve a capire chi sono i veri responsabili, né a punirli. Io credo che la responsabilità sia sempre personale: come da un lato non ho mai condiviso il tentativo d’inchiodare i vertici del Pd a responsabilità che – se esistono – riguardano loro familiari, così non condivido l’idea di mettere sotto processo il sistema bancario perché alcuni singoli banchieri hanno operato male o hanno truffato i clienti. A maggior ragione questo vale nei confronti della Banca d’Italia: se qualcuno ha commesso degli errori, li si esamini, senza incolpare i vertici in modo generico”.

“Coinvolgere Draghi, aggiunge, è davvero da irresponsabili. È l’uomo che con le sue politiche ha contribuito a stabilizzare l’economia italiana e probabilmente ha salvato l’euro in questi anni. Ero riuscito a portarlo alla presidenza della Bce con un mio forte impegno personale. Peraltro avevo citato il suo nome non per candidarlo, non lo avrei certamente fatto senza consultarlo, ma per fare un esempio, per indicare un profilo adatto a guidare l’Italia. A quanto mi risulta Draghi non ha alcuna intenzione di lasciare il suo mandato a Francoforte”.

 

 

Fonte immagine: polisblog

Alessia PAnariello

 

InfoOggi.it Il diritto di sapere