Bomba contro il Dortmund, arrestato un sospetto. Non era terrorismo: voleva guadagnare in borsa - InfoOggi.it

Breaking News
  • Il PD si spacca in Trentino: 14 membri lasciano il partito
  • Siria, massacro nel Ghouta orientale. Una strage peggiore di quella di Aleppo
  • Perugia, uomo accoltellato mentre affiggeva manifesti di "Potere al Popolo"
  • E' stato firmato il nuovo contratto degli enti locali
  • Gesù chiama malvagia la sua generazione. Perche?
  • Meteo: Burian porta il gelo della Siberia, previsioni su Nord, Centro, Sud e Isole
  • Elezioni: Bersani, Prodi sbaglia, e' sfumatura del renzismo
  • Giochi olimpici 2018: Italia è Oro. Trionfo Goggia, e' il 14esimo oro olimpico nello sci
  • Dirigente Fn pestato: Raid rivendicato da autori, "non c'è spazio per i fascisti"
  • Giulianova, giovane accoltellato a scuola per aver messo uno sgambetto
  • Caso polizze, il Tribunale di Roma archivia la posizione di Virginia Raggi
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Bomba contro il Dortmund, arrestato un sospetto. Non era terrorismo: voleva guadagnare in borsa

Bomba contro il Dortmund, arrestato un sospetto. Non era terrorismo: voleva guadagnare in borsa
0 commenti, , articolo di , in Sport

BERLINO, 21 APRILE - L’attentatore del pullman del Borussia si è rivelato non essere un terrorista islamico. Il ventottenne di origini russe che ha posizionato gli ordigni al passaggio del bus, voleva mettersi in tasca quasi quattro milioni, perché convinto che ammazzando l’intero team avrebbe fatto crollare il titolo in Borsa della squadra.

Sergej W,che è stato arrestato stamane con l’accusa di aver attentato alla vita di venti persone, ha commesso alcuni errori clamorosi, che hanno consentito agli inquirenti di mettersi trovarlo e di mettersi sulle sue tracce di altri due complici.


L’attentatore si era fatto notare la sera stessa, perché nonostante il caos ed il fuggire via di tutti i presenti nella strada dell’esplosione, si era recato tranquillamente al ristorante li di fronte ed aveva ordinato una bistecca.


Il russo usando il wifi dell’albergo, poco prima dell’esplosione ha scommesso sul ribasso del titolo della squadra del Borussia, ben 78mila euro. Investimento che, in caso di “successo” dell’attentato gli avrebbe fruttato 3,9 milioni di euro.

La banca dove l’aspirante terrorista finanziario ha fatto l’operazione, lo ha segnalato alla polizia perché sospettava un’operazione di riciclaggio di denaro sporco, ma purtroppo la verità si è rivelata essere ben peggiore.


Maria Minichino


(fonte immagine repubblica.it)

Maria Minichino

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image