Cina: i dazi Usa non frenano l'export. Surplus commerciale di 31 mld

28
Scarica in PDF
PECHINO, 8 SETTEMBRE – Il surplus commerciale della Cina verso gli Stati Uniti ha segnato ad a...

PECHINO, 8 SETTEMBRE – Il surplus commerciale della Cina verso gli Stati Uniti ha segnato ad agosto un nuovo livello di record: +31 miliardi di dollari, in crescita del 18,7%, nonostante le nuove tariffe doganali imposte da Washington in agosto per volonta del presidente Donald Trump.

Nello stesso mese l'export cinese è salito a 44,4 miliardi registrando un incremento del 13,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il presidente Trump si è già detto pronto a imporre nuovi dazi per 267 miliardi sulle importazioni cinesi, che andrebbero ad aggiungersi ai 200 miliardi ai quali l’amministrazione sta già lavorando. Lo ha annunciato durante il volo verso Fargo, in Nord Dakota. "Cambieranno totalmente l'equazione, entreranno in vigore molto presto, dipende da quello che succederà", ha dichiarato il presidente.
L'amministrazione Usa ha già imposto dazi del 25% per 50 miliardi di dollari sui beni importati dalla Cina, accusata di concorrenza sleale e furto di proprietà intellettuale.

La nuova ondata di dazi, la più vasta dall’inizio del conflitto commerciale tra Usa e Cina, riguarderebbe prodotti di ogni genere, dai bastoni per gli autoscatti (selfie) sino ai semiconduttori. Alcune delle fonti avvertono che quella del presidente Trump non è ancora una decisione definitiva, e che i dazi potrebbero entrare in vigore gradualmente.

Il consigliere economico di Trump, Larry Kudlow ha avvertito oggi Pechino che rischia l'isolamento. "Penso che i cinesi, potrebbero trovarsi isolati se non entrano nel processo globale e se non forniranno nuove informazioni iniziando a dire si al presidente Trump".

Fonte immagine: wallstreetitalia.com

Alessia Panariello

InfoOggi.it Il diritto di sapere