Consip, la procura chiede proroga di 6 mesi per le indagini su Lotti - InfoOggi.it

Breaking News
  • PD: Grasso condannato a pagare contributi al suo ex partito
  • USA: Trump pronto a colpire tutti i prodotti made in China
  • Calcio - il TAS accoglie il ricorso, Milan riammesso in Europa League
  • Germania, accoltella passeggeri su un autobus: più di 10 feriti
  • Vertice Conte-Di Maio-Tria-Giorgetti: trovata intesa su nomine Cdp
  • CdM, rinviato vertice nomine. Di Maio: "Obiettivo è trovare i migliori"
  • Monza: recuperati i quadri di Rubens e Renoir rubati nel 2017
  • Inchiesta Unicredit: anche il Ministro Savona indagato per usura bancaria
  • Juncker: 'L'Italia ha ragione. Ma le soluzioni ad hoc non funzionano'
  • Boeri: 'Il calo dei posti di lavoro era già previsto dal Ministero'
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Consip, la procura chiede proroga di 6 mesi per le indagini su Lotti

Consip, la procura chiede proroga di 6 mesi per le indagini su Lotti
0 commenti, , articolo di , in Cronaca

ROMA, 12 GENNAIO - La procura di Roma ha chiesto al gip una proroga di 6 mesi per le indagini nei confronti del ministro dello Sport Luca Lotti, accusato di favoreggiamento e violazione del segreto istruttorio in relazione al caso Consip. Richiesta di proroga che è stata firmata dal procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, dall’aggiunto Paolo Ielo e dal pm Mario Palazzi. 

Lotti era stato iscritto nel registro degli indagati per l’inchiesta Consip il 21 dicembre 2016, in seguito alle parole di Luigi Marroni, ex Ad di Consip, e di Filippo Vannoni, presidente di Publiacqua Firenze. Quello relativo al ministro Lotti rappresenta il capitolo politicamente più rilevante dell’intera inchiesta e pare destinato a protrarsi così oltre le elezioni del 4 marzo.

Lotti, dal canto suo, si è sempre dichiarato estraneo ai fatti e alle accuse. Sulla posizione del ministro dello Sport pesano soprattutto le rivelazioni di Marroni, che il 20 dicembre 2016 aveva raccontato ai pm napoletani Woodcock e Carrano di essere stato informato dell’inchiesta su Consip e delle intercettazioni ambientali nella sede romana della Consip stessa da Lotti, oltre che dal generale Saltalamacchia, dall’ex presidente Consip Luigi Ferrara e da Filippo Vannoni.

Proprio Vannoni, il 21 dicembre 2016, aveva confermato le parole dell’ex Ad di Consip. Nel luglio scorso, però, era stato lo stesso Vannoni a fare marcia indietro, sostenendo di essersi confuso di fronte ai pm napoletani a causa delle pressioni subite dal capitano Gianpaolo Scafarto, indagato in un procedimento connesso per falso e rivelazione di segreto d’ufficio.

Claudio Canzone

Fonte foto: governo.it

Claudio Canzone

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image