Contraffazione: articoli venduti su social network, 68 denunce - InfoOggi.it

Breaking News
  • A Civita la pioggia ingrossa un torrente: ci sarebbero delle vittime 
  • Salvini vuole nazionalizzare Autostrade e ammette di aver votato il "Salva Benetton"
  • Salvini in visita a Messina: "Incredibile che la gente viva in mezzo ai topi
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Contraffazione: articoli venduti su social network, 68 denunce

Contraffazione: articoli venduti su social network, 68 denunce
0 commenti, , articolo di , in Cronaca

RAVENNA, 16 MAGGIO - Capi di abbigliamento riportanti i loghi di famosi brand nazionali ed esteri, ma in realtà contraffatti, mostrati sulla bacheca Facebook.

Poi il canale WhatsApp utilizzato per farsi contattare dai clienti interessati all'acquisto: questo il modus operandi di una ramificata organizzazione attiva nella vendita on line di merce illegale scoperta dalla guardia di finanza di Faenza (Ravenna).

L'operazione delle fiamme gialle, denominata "Quattro Chiacchiere" dal nome di uno dei gruppi di Whatsapp creato tra i fornitori ed i rivenditori degli articoli contraffatti, ha consentito di denunciare 68 soggetti (10 fornitori e 58 rivenditori) per i reati di contraffazione e di ricettazione ritenuti artefici di un mercato illegale online del falso capace di generare, in circa un anno e mezzo di attività, un fatturato di oltre 600mila euro completamente "in nero", che ora sarà recuperato a tassazione.

Anche agli acquirenti finali individuati, ben 104 soggetti residenti in tutto il territorio nazionale, sarà contestata la violazione amministrativa prevista per l'"incauto acquisto", che prevede una sanzione pecuniaria da 100 a 7mila euro. Le indagini sono state avviate a seguito di una perquisizione, disposta dalla Procura di Ravenna, presso l'abitazione di una donna di Riolo Terme che, a seguito del monitoraggio del web da parte dei finanzieri, è risultata particolarmente attiva nel commercio di articoli di vestiario e accessori riportanti marchi dell'alta moda.

Nel corso della perquisizione è stato sequestrato un considerevole quantitativo di merce contraffatta oltre al telefono cellulare dell'indagata. Successivamente dall'esame delle applicazioni Facebook e WhatsApp le fiamme gialle hanno scoperto un'estesa rete di rapporti tra alcuni soggetti fornitori di capi di abbigliamento taroccati, attivi nelle province di Napoli e Salerno, ed una pluralità di rivenditori dislocati su tutto il territorio nazionale, tra i quali la stessa donna di Riolo Terme.

Emanuela Salerno

Fonte immagine: redazione Info Oggi

 

 

 

Emanuela Salerno

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image