Crisi economica: cala la fiducia e aumentano le disuguaglianze - InfoOggi.it

Breaking News
  • Germania, falso allarme uomo armato in un liceo: nessun morto e nessun ferito
  • Papa lancia un appello: "In Sudan non solo dichiarazioni, ma portare aiuti alimentari"
  • Roma, sub appalti metro C: arrestati due imprenditori per bancarotta fraudolenta
  • Renzi: "Politica italiana litiga su tutto, il mondo fuori continua a correre"
  • Università di Cassino, buco da 40 milioni. Indaga la Guardia di Finanza
  • Mattarella in Cina, incontrerà oggi il presidente Xi Jinping
  • Terremoto Centro Italia, cinque scosse durante la notte
  • Scomparso nel 2004 nell'ennese: arrestati i quattro presunti killer
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Crisi economica: cala la fiducia e aumentano le disuguaglianze

Crisi economica: cala la fiducia e aumentano le disuguaglianze
0 commenti, , articolo di , in Economia

ROMA, 11 FEBBRAIO - Il Rapporto Tecnè 2016 sulla qualità dello sviluppo prodotto per la Fondazione Di Vittorio (Istituto per la ricerca Cgil) traccia le linee di un'Italia che cresce poco e con una ricchezza sempre più concentrata e focalizzata sulla sfera privata dei cittadini, mentre si riduce lo spazio pubblico. 

L'indice generale sulla qualità dello sviluppo diminuisce da 100 a 99 con un peggioramento nel Nord - da 110 a 109 il Nord Ovest, da 115 a 113 il Nord Est - e nel Centro si perde un punto da 103 a 102, ma è il Mezzogiorno a rimanere sempre un passo indietro rispetto al resto del Paese e fermo ad un punteggio di 85.

Dati incoraggianti si registrano circa la soddisfazione personale e la fiducia interpersonale, in crescita rispetto al 2015, ma il vorticoso crollo è tutto per la fiducia economica a 76 punti.
Gli standard abitativi scendono da 100 a 98 punti (Trentino a 122) ma aumentano i beni posseduti dalle famiglie (da 100 a 104).

Dalla ricerca Tecnè sulla qualità dello sviluppo "emerge la fotografia di un Paese in cui la ricchezza tende sempre di più a concentrarsi" e in cui le persone vedono sempre più difficile uscire da una situazione di difficoltà: lo afferma il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso commentando lo studio stesso e chiedendo al Governo di cambiare le politiche economico sociali. "Rispetto al 2015 - continua il leader della Cgil - nel 2016 calano drasticamente le previsioni sulla crescita economica dell'Italia, quelle sulla propria situazione personale e sulle prospettive di crescita dell'occupazione. Come pure diminuisce notevolmente il concetto di partecipazione sociale. È sempre più evidente - sottolinea - la necessità di cambiare rotta rispetto le politiche economiche e sociali”.

Fonte immagine unità

Claudia Cavaliere

Claudia Cavaliere

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image