Donna marocchina scomparsa a Brescia, fermato il marito con l'accusa di omicidio

by Federica Vetta in Cronaca08/06/201878
Condividi Tweet Pin it

BRESCIA, 8 GIUGNO- Una donna marocchina di 29 anni, Souad Allou, madre di due bambini di tre e nove anni, è scomparsa da domenica sera a Brescia.


A dare l’allarme sarebbero stati i figli della ragazza, rimasti a casa da soli per quasi 24 ore. Lunedì sera la bambina di nove anni si è rivolta ai vicini di casa spiegando che la mamma non c'era più e consegnando il numero di telefono del padre, che abita sul confine tra la provincia di Brescia e quella di Cremona.


Il marito, connazionale e maggiore di Souad di 21 anni, è in stato di fermo disposto dalla Procura locale per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Secondo gli indizi raccolti sinora dagli inquirenti sarebbe stato proprio il marito ad uccidere la giovane. A dimostrarlo le immagini della telecamera di sorveglianza di un bar al piano terra della palazzina che ritrarrebbero il 50enne, operaio in un’azienda a Seniga, nel Bresciano, mentre trasporta verso l'auto un sacco nero dell'immondizia, all'interno del quale ci sarebbe stato il cadavere di Souad.
L’uomo, dal quale la giovane marocchina si era separata da tempo e che era stato da lei in passato denunciato per violenze, è ora nel carcere di Canton Mombello. L'avvocato Gianfranco Abate, legale dell'uomo, ha spiegato che rinuncerà al mandato per incompatibilità con l'assistito.

fonte dell'immagine: repubblica.it

Federca Vetta