Droga: Crotone; operazione "Black Island", arrestato ricercato - InfoOggi.it

Breaking News
  • Gioco suicida Blue Whale: "Aumento dei casi sospetti in Italia. Indagini a Gubbio"
  • Migranti, l'accusa di Strasburgo all' Ue: "Ricollocato un solo minore dei cinquemila approdati"
  • Merkel: "Sono finiti i tempi in cui ci potevamo fidare gli uni degli altri"
  • Corea Nord lancia missile Scud, ha coperto 450 km. Terzo test in un mese
  • Riciclaggio: Operazione "Money gate", GDF Reggio Calabria, 8 arresti e sequestro da 4 mln
  • Riciclaggio: Operazione "Money gate", GDF Reggio Calabria, 8 arresti e
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Droga: Crotone; operazione "Black Island", arrestato ricercato

Droga: Crotone; operazione \
0 commenti, , articolo di , in Cronaca

CROTONE, 21 APRILE - Era sfuggito all'operazione "Black Island" con cui la Polizia di Crotone aveva arrestato 17 persone accusate di spaccio di droga. Nella tarda serata di ieri a genti della Squadra Mobile hanno bloccato Domenico Dolce detto Spillo,37 anni, in esecuzione dell'Ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P del Tribunale di Crotone a suo carico.



E' ritenuto responsabile, in concorso con altri, della detenzione e commercializzazione nella citta' di Crotone di rilevanti quantita' di eroina e metadone nel periodo di tempo compreso tra il novembre 2015 e l'aprile 2016. Dolce era irreperibile nel suo domicilio nella notte tra ieri e l'altro ieri, al momento del blitz che ha portato all'arresto di tutti i componenti il gruppo criminale operante nelle citta' di Crotone, Catanzaro e Isola Capo Rizzuto specializzato nello spaccio di sostanza stupefacente del tipo eroina. Dolce, secondo l'accusa, era vicino ad uno dei principali indagati, l'albanese Betim Xeka, per conto del quale curava le consegne di stupefacente ai clienti crotonesi.

Le attivita' d'intercettazione avrebbero confermato che il rapporto illecito tra i due non era occasionale, ma si protraeva da tempo, tanto che lo stesso Dolce, per le pregresse forniture di sostanze stupefacenti, aveva contratto un cospicuo debito, rimasto insoluto. Proprio il mancato pagamento di una cospicua somma di danaro avrebbe scatenato l'ira dell'albanese che nel pomeriggio del 21 novembre 2015, dopo lunghe discussioni telefoniche aveva deciso di danneggiare l'autovettura Fiat Punto in uso a Dolce, incendiandola mentre era parcheggiata sotto l'abitazione di quest'ultimo.

L'arresto di Dolce e' avvenuto in collaborazione con il Commissariato di Polizia di Rho (Mi), perche' l'uomo aveva temporaneamente trasferito il suo domicilio da un parente residente a Lainate (Mi) e stava facendo ritorno a Crotone quando e' stato rintracciato e bloccato, nella serata di ieri, nel suo domicilio. L'arrestato, espletate le formalita' di rito, e' stato associato alla casa circondariale di Crotone. 

Redazione

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image