Fisco, scoperti mille grandi evasori: avevano sottratto oltre 2 miliardi

by De Rosa Danilo in Economia20/06/201830
Condividi Tweet Pin it

ROMA, 20 GIUGNO - 13mila evasori totali, 23mila reati fiscali contestati, mille grandi evasori, 2 miliardi e 300 milioni di euro sottratti al Fisco: sono i numeri pubblicati in occasione del 244esimo compleanno della Guardia di Finanza.


Dei 2,3 miliardi evasi (circa 2 milioni per ogni grande evasore) circa 1,3 miliardo è già stato recuperato e dapprima confiscato, poi acquisito dal patrimonio dello Stato. Questi grandi evasori si avvalgono di "una rete per realizzare circuiti viziosi fatti di fatture false, emesse o utilizzate in contabilità". "Quello connesso alle fatture false è un fenomeno arduo da contrastare - spiegano le Fiamme Gialle - proprio per le difficoltà connesse alla necessità di dimostrare l’inesistenza delle transazioni o per i tempi occorrenti, talvolta lunghi, per raccogliere tutte le prove".


Da gennaio 2017 sono stati scovati circa 13mila evasori, per un totale di 5,8 miliardi di Iva non pagata. Le persone denunciate sono state 17mila, di cui 378 arrestate. 30mila le persone che hanno lavorato in nero per 6,361 datori di lavoro. Nei primi cinque mesi del 2018, gli interventi per sventare frodi fiscali sono stati 128mila.


Secondo Giorgio Toschi, il Comandante generale del Corpo, questi numeri sono merito della nuova politica seguita dai finanzieri: ridurre l'invasività dei controlli e contare sulla buona fede dei cittadini. "Il Corpo punta a un approccio fondato sulla semplificazione fiscale, sulla buona fede e sulla cooperazione tra le parti teso ad eliminare le misure che penalizzano i cittadini onesti, favorendo invece l'adeguamento spontaneo agli obblighi tributari e riducendo al minimo, dove possibile, l'invasività dei controlli", spiega Toschi.


Alle Celebrazioni della Guardia di Finanza era presente anche il Ministro dell'Interno, che ha applaudito l'operato: "Ora tocca al governo semplificare il sistema fiscale e ridurre le tasse". Per Salvini bisogna "chiudere tutte le cartelle esattoriali di Equitalia per cifre inferiori ai 100.000 euro, per liberare milioni di italiani incolpevoli ostaggi e farli tornare a lavorare, sorridere e pagare le tasse". E conferma che la flat tax si farà, "rispettando le normative vigenti".

fonte immagine baraondanews.it


De Rosa Danilo