Gentiloni: "questo può essere l'anno della sconfitta di Daesh" - InfoOggi.it

Breaking News
  • Giro d'Italia, a Piancavallo vince Landa, Quintana torna in rosa
  • Rai, il Dg Campo Dall'Orto ha rassegnato le proprie dimissioni
  • Rai, terminato incontro tra Campo Dall'Orto e Padoan: dubbi su permanenza del Dg
  • Legge elettorale, torna il patto Renzi-Berlusconi? Salgono quotazioni voto anticipato
  • Segrate, aveva sparato alla testa l'ex moglie e tentato il suicidio: entrambi morti
  • Egitto, attacco a cristiani copti: bilancio provvisorio tra i 25 e i 35 morti
  • Germania-Usa, i difficili rapporti tra Trump e Merkel tra i nodi principali del G7
  • Siria, raid Coalizione a guida Usa: uccisi almeno 35 civili
  • G7 di Taormina, confronto tra i leader. Gentiloni: "Chiediamo risultati"
  • Taranto: approdati 465 migranti
  • Trump: "war room" nella West Wing della Casa Bianca
  • Lamezia Terme, confiscata villa a esponente della 'Ndrangheta
  • Sri Lanka, almeno dieci morti per forte maltempo e valanghe
  • Segrate, spara alla ex moglie e tenta di suicidarsi
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Gentiloni: "questo può essere l'anno della sconfitta di Daesh"

Gentiloni: \
0 commenti, , articolo di , in Estero

WASHINGTON, 20 APRILE – Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha affermato: "questo può essere l'anno della sconfitta di Daesh".

Parole pronunciate durante un suo intervento a Washington al think tank Center for strategic e international studies, Csis, Centro per gli studi strategici e internazionali, fondato nel 1962. Il centro svolge attività quali studi politici ed analisi strategiche di temi politici, economici e sicurezza mondiale, ponendo maggior attenzione alle tematiche concernenti le relazioni internazionali, commercio, finanza ed energia.

Ha poi sottolineato l’importanza di "combattere il terrorismo ed in particolare sradicare Daesh", noto come Isis, nome dell’organizzazione jihadista attiva in Siria e Iraq. Il capo, Abu Bakr al-Baghdadi, nel mese di giugno del 2014 ha proclamato la nascita del Califfato nei territori conquistati. La priorità di porre fine alla vita del Califfato potrebbe permettere di ristabilire la stabilità nell’area del Mediterraneo.

Intanto, a poche ore dal tanto atteso incontro con il presidente americano, il Premier italiano ha dichiarato: "i nostri rapporti con gli Stati Uniti sono storici: ci teniamo molto, sono sempre stati il pilastro della nostra politica estera. E' interesse dell'Italia coltivare questa relazione perché è fondamentale per gestire le crisi del Mediterraneo a partire dalla Libia" e continuando "questo non vuol dire solo confermare un ancoraggio storico della nostra politica estera ma coltivare i nostri interessi nazionali, con i nostri principi e i nostri valori che sosteniamo a testa alta"

 

Immagine da: ilpost.it

Caterina Apicella

Caterina Apicella

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image