Germania, a più di 100 giorni dalle elezioni c'è l'accordo per il governo - InfoOggi.it

Breaking News
  • Vieste. Agguato sotto casa, ucciso giovane di 25 anni Antonio Fabbiano
  • Mafia: colpo al clan Rinzivillo di Gela, 10 arresti
  • Ritrovate gemelline scomparse in Friuli, in tanti mobilitati a Tarcento
  • Battisti: corte suprema Brasile revoca misure cautelari
  • Champions: tifoso ridotto in condizioni critiche, Liverpool, scioccati e inorriditi
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Germania, a più di 100 giorni dalle elezioni c'è l'accordo per il governo

Germania, a più di 100 giorni dalle elezioni c\'è l\'accordo per il governo
0 commenti, , articolo di , in Estero

BERLINO, 12 GENNAIO,- Dopo quasi 24 ore di negoziati è arrivato il via libera all’accordo per la formazione di una “Grosse Coalition” di governo in Germania. La coalizione sarà composta dal CDU (partito cattolico-conservatore) di Angela Merkel e l’SPD (partito di centro-sinistra) di Martin Schulz. L’accordo è stato trovato più di 100 giorni dopo le elezioni politiche, che si sono svolte il 24 settembre scorso. Si conclude così uno dei più grandi periodi di incertezza politica per la Germania degli ultimi anni.     

I due più importanti partiti tedeschi, hanno trovato l’intesa sui punti più importanti del programma di governo: tasse e migranti. Per quanto concerne il primo punto si è deciso di non aumentare l’aliquota massima di imposta, come invece chiedeva l’SPD. La questione migranti è stata risolta con la scelta di permettere il ricongiungimento familiare al ritmo di 1000 persone al mese.

Trovato l’accordo anche sul fronte dell’assicurazione sanitaria, si ritornerà a un sistema di contributi assicurativi condivisi in egual misura fra datore di lavoro e lavoratori. “Abbiamo raggiunto un risultato eccezionale”, queste le parole a caldo del socialdemocratico Martin Schulz che ha messo l’accento sugli obiettivi raggiunti per un “contratto di governo” sullo stato sociale. La cancelliera Merkel ha, invece, definito il neo-governo come una “ripartenza” per l’Europa e ha poi aggiunto “il mondo non aspetta, abbiamo bisogno di un nuovo inizio per l’Europa”.

Nelle settimane che verranno i due partiti dovranno fissare un programma definitivo per governare in coalizione. Bisognerà raggiungere l’accordo punto per punto, in modo tale da poter garantire la tenuta del governo ed aumentare, così, le probabilità che questo resista per tutta la legislatura. Ipotesi quest’ultima non remota, difatti la politica tedesca risulta essere molto pragmatica e non pochi sono stati i governi di “Grosse coalition” (grande coalizione).

Dopo le elezioni la Merkel aveva provato ad avviare le trattative con il partito dei Verdi e i Liberali democratici, tuttavia le trattative non erano andate a buon fine, fallendo a novembre dopo numerosi incontri. A quel punto la cancelliera si era rivolta ai socialdemocratici, sottolineando di essere comunque pronta a ritornare al voto per sbloccare la situazione.

Federica Fusco

immagine: lincmagazine.it

Federica Fusco

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image