Grecia, Tsipras presenta nella notte proposta d'accordo con i creditori

Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
ATENE, 02 GIUGNO 2015 - Si è svolto nella notte, un incontro a Berlino al cui tavolo delle tr...

ATENE, 02 GIUGNO 2015 - Si è svolto nella notte, un incontro a Berlino al cui tavolo delle trattative erano presenti il presidente della Bce Mario Draghi, il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale Christine Lagarde, la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese Francois Hollande e il presidente della Commissione Europea Jean Claude Juncker.  La tematica affrontata d'urgenza è relativa alla crisi greca ed in particolare al un possibile default della nazione. L'obiettivo è pertanto quello di indurre, a pochi giorni dalla scadenza prevista per venerdì (300 milioni da versare al Fmi), il governo ellenico guidato da Tsipras ad accettare nuove misure di politica economica, per scongiurare il fallimento. 

Nel mese di giugno, la Grecia deve ai suoi creditori internazionali 1,6 miliardi di euro ed una prima tranche del rimborso, è prevista per la fine di questa settimana. I creditori sarebbero disposti ad elargire ulteriori aiuti finanziari al governo Tsipras a patto che ci sia da parte della Grecia, l'adozione di nuove politiche economiche, a cui il Primo Ministro sembrerebbe essere stato in un primo momento riluttante. 

Nella notte, però, come riferisce Bloomberg, Alexis Tsipras, non illustrando nessun dettaglio,  ha dichiarato che "la Grecia ha presentato una proposta di accordo con i creditori nella notte di ieri". Il Primo Ministro ha, però, affermato che si tratterebbe di "proposte realistiche" ed ha aggiunto che  ora la "decisione spetta alla leadership politica dell'Europa". 

Nella tarda mattinata odierna, il Commissario europeo agli affari economici Pierre Moscovici, in un'intervista radiofonica rilasciata all'emittente francese Inter, avrebbe dichiarato quanto segue: "Sono stati fatti dei progressi seri, ma resta ancora da fare per arrivare a un buon accordo". 

Luigi Cacciatori

Immagine da scoop24.it

InfoOggi.it Il diritto di sapere