Istat, gravi difficoltà economiche per l'11,9% degli italiani - InfoOggi.it

Breaking News
  • Turchia, raid aerei contro basi curde in Siria e Iraq
  • Torino, arrestato uomo di 29 anni per terrorismo. Pianificava attentati
  • Corea del Nord, ancora tensione con gli Usa
  • Alitalia, al referendum vince il No
  • Gli Usa non escludono raid in caso di un test nucleare della Corea del Nord
  • Gabriele Del Grande in Italia: "Sto bene, non ho ancora capito perché sono stato fermato"
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Istat, gravi difficoltà economiche per l'11,9% degli italiani

Istat, gravi difficoltà economiche per l\'11,9% degli italiani
0 commenti, , articolo di , in Economia

ROMA, 19 APRILE - Nessun miglioramento economici rispetto al 2015, secondo alcuni dati Istat l'11,9% delle famiglie italiane vive in gravi difficoltà economiche.

A confermarlo il direttore del dipartimento per la produzione statistica dell'Istat durante la riunione sul Def davanti alle commissioni Bilancio del Parlamento, il quale avrebbe aggiunto che "nonostante il miglioramento delle condizioni economiche delle famiglie, nel 2016 non si è osservata una riduzione dell'indicatore di grave deprivazione materiale, corrispondente alla quota di persone in famiglie che sperimentano sintomi di disagio". Aggiungendo inoltre che " secondo i dati provvisori del 2016, tale quota si attesta all'11,9%, sostanzialmente stabile rispetto al 2015".

"I dati longitudinali della Rilevazione sulle forze di lavoro consentono di effettuare un'analisi delle transizioni verso l'occupazione degli individui disoccupati a un anno di distanza", spiega Monducci, aggiungendo che "l'esercizio è stato realizzato per i 25-34enni confrontando i tassi di permanenza e transizioni osservati tra il quarto trimestre 2015 e il quarto trimestre 2016 con quelli degli analoghi periodi dei due anni precedenti".

Secondo i dati raccolti infatti risulterebbe che "Il 21,2% dei 25-34enni disoccupati nel quarto trimestre del 2015 è occupato un anno dopo, il 43,8% risulta ancora disoccupato e il 35% inattivo" . Risulterebbe infatti che il numero di giovani che ha trovato lavoro nel periodo è più bassa sia rispetto a alla quota registrata nello stesso periodo sia dell'anno 2015 (27,9%) sia dell'anno 2014 (24,4%).

Alessia Terzo

Immagine da formiche.net

Alessia Terzo

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image