• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

L'agenda dei mille giorni di Renzi in discussione alla Camera

Puglia

ROMA, 16 SETTEMBRE 2014 - Partita oggi la discussione sull'agenda "dei Mille giorni" che il premier Renzi e la sua squadra di Governo vorrebbero adottare per mantenere gli impegni presi a livello internazionale e dare una risposta alle questioni di politica interna.[MORE]

Il piano di Renzi

Fittissima l'agenda dei Mille giorni disposta dal Premier, con l'avvertimento che, se non riuscirà nell'intento, il Governo ha già pronto il decreto lavoro. La priorità dell'Italicum viene accantonata e sostituita dall'urgenza di un carico fiscale meno pesante per i cittadini già a partire dal 2015.

L'Italia è bloccata e se le riforme non partono in contemporanea non porteranno nulla: questo il monito di Renzi, che punta il dito contro chi ostacola il Governo. Il piano prevede anche una nuova concezione dei diritti civili e un piano di assetto riorganizzativo per la Rai.

Insomma, è necessario "reimpostare e rovesciare la scommessa politica e economica di questo Paese" spiega Renzi (fonte dichiarazione IlSole24Ore).

Le reazioni alla Camera

Forza Italia, attraverso le parole di Renato Brunetta, pone l'accento su diverse questioni: la prima è la divisione all'interno del Partito Democratico (per cui Brunetta si chiede se sia il partito sia d'accordo con le scelte di Renzi), l'altra è il garantismo, voluto a parole dal Premier, ma non concretizzato secondo Forza Italia.

Dal Nuovo Centro Destra, invece, completa adesione a Renzi e una vena polemica su chi tenta di frenare la spinta all'innovazione del Governo. Un sonoro rifiuto arriva dal Movimento Cinque Stelle: qui l'invito è ad allontanarsi dalle manovre di palazzo, per affrontare le problematiche più vicine ai cittadini.

Infine, Sel ha dichiarato la propria disponibilità, auspicando un confronto per ridefinire i patti con l'Europa (soprattutto sul rapporto deficit/Pil al 3%) e una maggiore attenzione alle problematiche ambientali. Ora si attende la discussione al Senato, prevista per le ore 15. La notizia è in fase di aggiornamento.

Annarita Faggioni