La rivoluzione fiscale dal 2018 basata sulla flat tax

by Federico De Simone in Economia13/06/201823
Condividi Tweet Pin it

ROMA, 13 GIUGNO – Matteo Salvini, nuovo ministro dell’Interno, è intervenuto questa mattina all’assemblea di Confesercenti. "Non vengo a vendere promesse – ha detto il vicepremier - ma a parlare di quanto contenuto nel programma; ridurremo le tasse, non aumenteremo Iva e accise, ma avvieremo già nel 2018 la rivoluzione fiscale impostata sulla flat tax partendo dai redditi degli imprenditori per poi arrivare a quelli delle famiglie. E poi la lotta all'abusivismo commerciale".

Anche le altre manovre sono al centro del programma giallo-verde. Salvini ha infatti annunciato ai piccoli imprenditori lo stop al pagamento dell’Imu, definito “una follia”, per i negozi sfitti, con l’introduzione della cedolare secca: "Ha funzionato per portare ordine nell'affitto privato, perché non portarla anche nel settore commerciale". Auspica inoltre l’abolizione delle restrizioni sui pagamenti, introdotte per arginare l’evasione fiscale, affermando: "Per me non ci dovrebbe essere nessun limite alla spesa per denaro contante: ognuno è libero di pagare come vuole e quanto vuole". 

Il leader del Carroccio ha concluso delineando la prossima azione del governo riguardante le pensioni: "Come da programma il nostro obiettivo è smontare pezzo per pezzo la legge Fornero, introducendo subito la quota 100: 41 anni di anzianità contributiva penso siano sufficienti".

Federico De Simone