Lanciano, bambino rifiutato dalle scuole perché autistico, la madre:"ha diritto di studiare" - InfoOggi.it

Breaking News
  • Crisi idrica a Roma, botta e risposta tra Zingaretti e Acea
  • Svizzera, uomo armato di motosega ferisce 5 persone
  • I genitori di Charlie annullano la richiesta di andare negli Usa: "Non c'è più tempo"
  • Russiagate, Kushner ammette incontri con russi
  • Incendio a Messina: fermati tre minori
  • Israele: Netanyahu convoca il Consiglio di Difesa
  • Polonia, il presidente Duda respinge la riforma della giustizia: "limita l'autonomia dei giudici"
  • Francia: domani incontro tra Macron ed il primo ministro del governo di Tripoli
  • Turchia: inizio processo per Cumhuriyet, il giornale anti-Erdogan
  • Fmi alza le stime di crescita in Eurolandia, frenano gli Usa
  • Afghanistan, attacco kamikaze a Kabul: almeno 35 vittime
  • Calabria, coppia di omosessuali respinta da casa vacanze: "Non accettiamo gay e animali"
  • Meteo, calo di temperature con temporali fino a giovedì. Poi torna il caldo
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Lanciano, bambino rifiutato dalle scuole perché autistico, la madre:"ha diritto di studiare"

Lanciano, bambino rifiutato dalle scuole perché autistico, la madre:\
0 commenti, , articolo di , in Cronaca

LANCIANO, 20 MARZO - "Auspichiamo una rapida soluzione della vicenda nel preminente interesse del bambino" con queste parole è intervenuto il sindaco di Lanciano riguardo al caso del bambino autistico di dieci anni che f non ha potuto iscriversi alle medie poiché rifiutato da tre diverse scuole del comune. Il sindaco ha previsto un incontro, nella giornata di domani, con la madre del minore e l'assessore alla Pubblica Istruzione.

La donna raccontando la vicenda ha reso noto che tre scuole medie su quattro hanno negato l’iscrizione al figlio. Il racconto della madre continua precisando i motivi che hanno precluso al figlio l’iscrizione in una delle scuole, cioè: la prima scuola, nonostante svolga numerose attività con bambini diversamente abili, non riuscivano a prenderlo in carico, mentre le altre due strutture scolastiche, molto più grandi, hanno respinto l’iscrizione una volta saputo che il bimbo era autistico, ha precisato la donna: “I dirigenti dicevano che c’erano troppi bambini diversamente abili nelle prime e che quindi non potevano prenderne altri. Ci sono numeri da rispettare dettati dai decreti ministeriali”. Infine, la madre ha affermato: "ha diritto di studiare come tutti gli altri bambini della sua età"

 

immagine da: videocitta.it

Caterina Apicella

Caterina Apicella

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image