Lanciano, bambino rifiutato dalle scuole perché autistico, la madre:"ha diritto di studiare" - InfoOggi.it

Breaking News
  • Giro d'Italia, a Piancavallo vince Landa, Quintana torna in rosa
  • Rai, il Dg Campo Dall'Orto ha rassegnato le proprie dimissioni
  • Rai, terminato incontro tra Campo Dall'Orto e Padoan: dubbi su permanenza del Dg
  • Legge elettorale, torna il patto Renzi-Berlusconi? Salgono quotazioni voto anticipato
  • Segrate, aveva sparato alla testa l'ex moglie e tentato il suicidio: entrambi morti
  • Egitto, attacco a cristiani copti: bilancio provvisorio tra i 25 e i 35 morti
  • Germania-Usa, i difficili rapporti tra Trump e Merkel tra i nodi principali del G7
  • Siria, raid Coalizione a guida Usa: uccisi almeno 35 civili
  • G7 di Taormina, confronto tra i leader. Gentiloni: "Chiediamo risultati"
  • Taranto: approdati 465 migranti
  • Trump: "war room" nella West Wing della Casa Bianca
  • Lamezia Terme, confiscata villa a esponente della 'Ndrangheta
  • Sri Lanka, almeno dieci morti per forte maltempo e valanghe
  • Segrate, spara alla ex moglie e tenta di suicidarsi
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Lanciano, bambino rifiutato dalle scuole perché autistico, la madre:"ha diritto di studiare"

Lanciano, bambino rifiutato dalle scuole perché autistico, la madre:\
0 commenti, , articolo di , in Cronaca

LANCIANO, 20 MARZO - "Auspichiamo una rapida soluzione della vicenda nel preminente interesse del bambino" con queste parole è intervenuto il sindaco di Lanciano riguardo al caso del bambino autistico di dieci anni che f non ha potuto iscriversi alle medie poiché rifiutato da tre diverse scuole del comune. Il sindaco ha previsto un incontro, nella giornata di domani, con la madre del minore e l'assessore alla Pubblica Istruzione.

La donna raccontando la vicenda ha reso noto che tre scuole medie su quattro hanno negato l’iscrizione al figlio. Il racconto della madre continua precisando i motivi che hanno precluso al figlio l’iscrizione in una delle scuole, cioè: la prima scuola, nonostante svolga numerose attività con bambini diversamente abili, non riuscivano a prenderlo in carico, mentre le altre due strutture scolastiche, molto più grandi, hanno respinto l’iscrizione una volta saputo che il bimbo era autistico, ha precisato la donna: “I dirigenti dicevano che c’erano troppi bambini diversamente abili nelle prime e che quindi non potevano prenderne altri. Ci sono numeri da rispettare dettati dai decreti ministeriali”. Infine, la madre ha affermato: "ha diritto di studiare come tutti gli altri bambini della sua età"

 

immagine da: videocitta.it

Caterina Apicella

Caterina Apicella

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image