Libia, Guardia Costiera libica: "Salvati 11 mila migranti nel 2018" - InfoOggi.it

Breaking News
  • Meteo: venti forti e temporali temperatura giù di 10 gr, previsioni su Nord, Centro, Sud e Isole
  • Inferno nel Pisano: primi Canadair in volo, "disastro immane"
  • "Lo humour può aiutare la politica". Intervista a David Litt, lo scrittore dei discorsi di Obama
  • Per l'Italia è più giusta la flat tax oppure una tassa progressiva?
  • PordenoneLegge, il festival della cultura
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Libia, Guardia Costiera libica: "Salvati 11 mila migranti nel 2018"

Libia, Guardia Costiera libica: \
0 commenti, , articolo di , in Estero

TRIPOLI (LIBIA), 12 SETTEMBRE - Nel 2018, la Guardia Costiera libica ha soccorso in mare oltre 11 mila migranti e recuperato 89 corpi. A riferirlo, il portavoce Ayoub Qassem ai media libici.

Nel corso della conferenza, l'ammiraglio ha respinto le accuse delle Ong per maltrattamento dei migranti. "Sono accuse che invece di fornire aiuti vorrebbero denigrare il nostro ruolo e il nostro lavoro", ha aggiunto Qassem.

Nel frattempo, l'ambasciatore italiano a Tripoli, Giuseppe Perrone, è rientrato autonomamente in Italia per motivi di sicurezza, dopo le recenti proteste di piazza e lo scampato attacco delle milizie di Tarhuna, nell'ovest tripolino. "Rientro legato ai timori sull'incolumità sua e di alcuni suoi collaboratori", ha dichiarato il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, intervenendo alle commissioni congiunte Esteri di Senato e Camera. "L'ambasciata a Tripoli resta aperta e operativa", ha aggiunto il titolare della Farnesina.

Nella prima metà di novembre, la Conferenza Italiana sulla Libia aprirà i lavori in Sicilia, quale cuore pulsante delle vicende mediterranee. La conferma è arrivata dal Ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, nel corso della congiunta delle commissioni Esteri di Camera e Senato. "La Sicilia è una terra che vuole simboleggiare la mano tesa al di là del Mediterraneo", ha chiarito il titolare della Farnesina assicurando - incalzato dai parlamentari - il ruolo primario dell'Italia "perchè in tutti gli interlocutori c'è positivo desiderio d'Italia". Il ministro ha inoltre definito "schietto" il confronto con il maresciallo Khalifa Haftar, l'uomo forte di Tobruk ed ex uomo chiave di Gheddafi, pur rinnovando la fiducia ad Fayez Al Serraj in qualità interlocutore ufficiale dell'Italia .

Cristian D'Aiello

Fonte foto: Huffington Post

Cristian D Aiello

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image