Maroni: "Ad ottobre referendum per l'autonomia di Lombardia e Veneto" - InfoOggi.it

Breaking News
  • Crisi idrica a Roma, botta e risposta tra Zingaretti e Acea
  • Svizzera, uomo armato di motosega ferisce 5 persone
  • I genitori di Charlie annullano la richiesta di andare negli Usa: "Non c'è più tempo"
  • Russiagate, Kushner ammette incontri con russi
  • Incendio a Messina: fermati tre minori
  • Israele: Netanyahu convoca il Consiglio di Difesa
  • Polonia, il presidente Duda respinge la riforma della giustizia: "limita l'autonomia dei giudici"
  • Francia: domani incontro tra Macron ed il primo ministro del governo di Tripoli
  • Turchia: inizio processo per Cumhuriyet, il giornale anti-Erdogan
  • Fmi alza le stime di crescita in Eurolandia, frenano gli Usa
  • Afghanistan, attacco kamikaze a Kabul: almeno 35 vittime
  • Calabria, coppia di omosessuali respinta da casa vacanze: "Non accettiamo gay e animali"
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Maroni: "Ad ottobre referendum per l'autonomia di Lombardia e Veneto"

Maroni: \
0 commenti, , articolo di , in Politica

MILANO, 20 APRILE – Roberto Maroni, interpellato dai giornalisti al Salone dello studente, ha dichiarato: "Domani in Giunta annuncerò la data del referendum per l'autonomia della Lombardia”. Il presidente della regione ha aggiunro che il referendum consultivo si terrà "in ottobre", probabilmente insieme al Veneto. "Oggi sentirò il presidente Zaia e domani annuncerò la data. Devono partire le procedure, abbiamo già fatto la gara per il voto elettronico e il cronoprogramma è chiaro".

Luca Zaia aveva già dichiarato che la macchina del referendum è avviata e che il Veneto vuole autonomia fiscale dal Governo di Roma. "I veneti hanno di fronte a loro un'occasione storica. Mi attendo una partecipazione di massa e spero che nasca anche un comitato per il No all'autonomia" ha detto in un'intervista alla Stampa di gennaio scorso.

Il referendum non richiederà il quorum e sarà solo consultivo: in caso di vittoria del Sì partirà la trattativa con il governo.

Con il fronte "Lombardia autonoma" si era schierato anche Giorgio Gori: il sindaco di Bergamo aveva spinto perché la Regione chiedesse più poteri al Governo centrale, e che se non verranno concessi come extrema ratio si andrà avanti con il referendum. Gori però sostiene che Roberto Maroni non ha mai trattare con il governo e ha voluto far slittare di proposito il tema in prossimità delle elezioni nazionali per "sventolare la bandierina del referendum" ed ottenere più voti.


Maria Minichino


(fonte immagineblogspot.it)

Maria Minichino

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image