Medicina estetica e chirurgia plastica: tutte le novità del 2017 - InfoOggi.it

Breaking News
  • Crisi idrica a Roma, botta e risposta tra Zingaretti e Acea
  • Svizzera, uomo armato di motosega ferisce 5 persone
  • I genitori di Charlie annullano la richiesta di andare negli Usa: "Non c'è più tempo"
  • Russiagate, Kushner ammette incontri con russi
  • Incendio a Messina: fermati tre minori
  • Israele: Netanyahu convoca il Consiglio di Difesa
  • Polonia, il presidente Duda respinge la riforma della giustizia: "limita l'autonomia dei giudici"
  • Francia: domani incontro tra Macron ed il primo ministro del governo di Tripoli
  • Turchia: inizio processo per Cumhuriyet, il giornale anti-Erdogan
  • Fmi alza le stime di crescita in Eurolandia, frenano gli Usa
  • Afghanistan, attacco kamikaze a Kabul: almeno 35 vittime
  • Calabria, coppia di omosessuali respinta da casa vacanze: "Non accettiamo gay e animali"
  • Meteo, calo di temperature con temporali fino a giovedì. Poi torna il caldo
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Medicina estetica e chirurgia plastica: tutte le novità del 2017

Medicina estetica e chirurgia plastica: tutte le novità del 2017
0 commenti, , articolo di , in EsteticaMente

In un era in cui ciò che sembra più importante è apparire, non potevano mancare tantissime novità nelle tecnologie e nei materiali adoperati negli interventi di chirurgia plastica o nei trattamenti di medicina estetica. La linea guida rimane, comunque, quella di evitare gli eccessi ed i trattamenti troppo invasivi sempre nell’ottica di ottenere e mantenere un risultato fresco e naturale.

Ecco quindi i 7 principali trend per il 2017:

- Nuovi usi per il botulino: la tossina in questione, impiegata inizialmente per uso estetico per contrastare le c.d. rughe glabellari (quelle fra gli occhi, alla radice del naso, n.d.r.) e poi estesa a quelle comunemente note come “zampe di gallina”, dalla fine del 2016 potrà essere utilizzata anche per la fronte. Cambiano anche le modalità di applicazione, avendo preso piede il c.d. microbotulino, che rinfresca viso, collo e decolleté agendo anche sulle rughe più piccole.

- Corsi e ricorsi per le protesi al seno: tornano di moda, infatti, le protesi tonde, ma con gel ergonomici e micro o nano testurizzate. Un ritorno al passato, dunque, ma con la tecnologia più moderna perché realizzate con gel più ergonomici, che si ridispongono in base alla posizione del corpo. Minori problemi di contrattura capsulare, quindi, perché verrà minimizzato lo sfregamento della protesi con i tessuti, rendendole adatte anche alle donne che fanno sport.

- Novità dagli USA: arriverà finalmente in Italia “Belkyra”, la famosa iniezione sciogli grasso che sta spopolando oltre oceano (dove è commercializzata con il nome di Kybella). Le promesse sono tra le più rosee; si stima, infatti, che in pochi anni raggiungerà una richiesta pari o, addirittura, superiore a quella della tossina botulinica in campo estetico. Ad oggi in Italia sarà possibile utilizzarla esclusivamente per il grasso del sottomento, ma è probabile che, dopo gli opportuni studi scientifici, sarà estesa anche ad altre zone.

- Carbossiterapia: usata per la biostimolazione facciale ed il trattamento della cellulite, è uno step importante nell’ottica di un intervento di ringiovanimento e per il mantenimento dei risultati. Utilissima per i trattamenti viso e, in particolare, per eliminare le occhiaie scure, si può associare con ottimi risultati all’acido ialuronico, mentre nell’utilizzo per il trattamento della cellulite consente di ottenere i migliori risultati del abbinata alla dieta e alla stimolazione tissutale con la tecnica vacuum, richiamata nell’articolo sulla coppetta anticellulite.

- Peeling per migliorare l’aspetto della pelle: soppiantati negli anni da parte dei laser, grazie ad un’inversione di tendenza oggi si registra un aumento dell’uso dei peeling per il trattamento delle macchie cutanee. La raccomandazione, in ogni caso, è sempre quella di affidarsi ad un chirurgo estetico esperto per questi trattamenti, in quanto l’utilizzo improprio di questi acidi può portare a complicanze devastanti.

- Filler: diffusamente utilizzati nei trattamenti del viso per rimuovere le rughe o dare volume alle labbra, i nuovi filler sono formulati per essere più duraturi, naturali e anche meno dolorosi. In alcuni casi al loro interno si potrà trovare la lidocaina, un anestetico locale utile per minimizzare il dolore durante il trattamento. Grande riconferma anche per l’acido ialuronico, preferito per il trattamento di naso e occhiaie, per la sua consistenza “morbido” che consente di ottenere risultati paragonabili a quelli che si avrebbero con un intervento chirurgico.

- Ultimi ma non ultimi gli ultrasuoni: utilizzati per il lifting non chirurgico su collo e zone del volto diversamente difficili da trattare. Nuove tecniche a base di ultrasuoni focalizzati, che sfruttano il calore per produrre coaguli a diverse profondità, saranno il must del 2017 garantendo risultati che durano a lungo. Trattamenti di profondità, quindi, che promettono risultati eccellenti se combinati con altri trattamenti “di superficie”, come peeling e biostimolazione con acido ialuronico.

Che dire, il 2017 potrà essere l’anno in cui, se non ci avete già pensato, potrete ricorrere a qualche trattamento estetico o, perché no, intervento chirurgico di nuova generazione, con risultati sempre più naturali e duraturi.

Emanuela Salerno

Seguimi anche su Facebook: EsteticaMente

Emanuela Salerno

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image