Migranti, Civati: "il Governo si è spostato a destra" - InfoOggi.it

Breaking News
  • Ancona, tenta di portare la figlia in Grecia nascondendola in valigia: fermato
  • Rimini, rapinano e picchiano donna incinta di colore: arrestati con aggravante razziale
  • Barcellona, Farnesina: due italiani tra le vittime
  • Incendi, Imperia: in fiamme 30 ettari di macchia mediterranea
  • Giallo a Milano, donna trovata morta con gola tagliata
  • Barcellona: Procura di Roma avvia indagine
  • Borsa: apertura negativa per i listini europei
  • Attentato Barcellona, tre italiani tra i feriti
  • Barcellona: legami con esplosione in casa magrebini a Alcanar
  • Barcelona. Terrore sulla Rambla: identificato affittuario furgone killer si chiama Driss Oukabir
  • Venezia, uccide la moglie a colpi di pistola. Poi il suicidio
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Migranti, Civati: "il Governo si è spostato a destra"

Migranti, Civati: \
0 commenti, , articolo di , in Politica

 ROMA, 12 AGOSTO – “Minnitizzazione” del Governo, è questa l’espressione utilizzata da Pippo Civati, deputato e segretario di Possibile, per sottolineare una “tendenza” a destra dell’attuale esecutivo in carica, in particolar modo sul tema migranti.

“Sospettavamo che le larghe intese avrebbero portato a destra, snaturando quel poco di centrosinistra che rimaneva” ha affermato Civati, che ha inoltre parlato di “banalizzazione dei diritti del lavoro, rilancio della politica delle grandi opere berlusconiana e ridicolizzazione delle proteste degli insegnanti”.

Per il leader di Possibile, il minimo comune denominatore delle scelte del Governo è l’individuazione di un nemico: dai sindacati ai professori, fino alle Ong, ultime in ordine di tempo. Nel mirino, in particolar modo, è finito il nuovo “codice Minniti”, introduttivo di una regolamentazione dell’attività delle Ong impegnate nel salvataggio di vite nel Mediterraneo.

Il codice, salutato peraltro con favore da innumerevoli organizzazioni non governative, nasce come risposta all’esigenza di disciplinare un’area finora sottratta al controllo legislativo, e recentemente assurta agli onori della cronaca per presunte commistioni tra scafisti e operatori umanitari.

L’introduzione di una regolamentazione, ad ogni modo, non comporta una restrizione nell’attività delle organizzazioni e nelle operazioni in mare: in particolar modo alla luce dei nuovi emendamenti, che vietano agli ufficiali giudiziari a bordo delle navi di interferire con le missioni umanitarie e di portare armi, è infatti evidente come non possa parlarsi di un vero e proprio “giro di vite” sulle Ong.

Resta di diverso avviso la deputata di Forza Italia Daniela Santanchè, per la quale “le testimonianze di alcuni operatori che hanno visto il lavoro delle Ong raccontano di dinamiche poco trasparenti, tanto care alla sinistra che non ha a cuore l’interesse nazionale”.

E nonostante l’imperversare del dibattito politico, la nuova disciplina (particolarmente apprezzata dall'Unione Europea, dal Quirinale ed anche dalla Chiesa) vedrà definitivamente la luce a breve, per consentire, ancora, il salvataggio di vite nel rispetto della legge.

Paolo Fernandes

Foto: nuovasocieta.it

Paolo Fernandes

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image