Motogp, a Misano Marquez beffa Petrucci - InfoOggi.it

Breaking News
  • Nuovi sbarchi di migranti nel sud Sardegna
  • Mediobanca acquisisce il 69% della svizzera Ram Active Investments
  • Maltrattamenti in asilo Vercelli, arrestate 3 maestre "Sberle, strattoni e trascinamenti"
  • Donna violentata e segregata per dieci anni a Lamezia Terme: arrestato cinquantenne
  • Black Friday, il centro Amazon a Piacenza annuncia lo sciopero
  • Mladic condannato per crimini di guerra dal Tribunale dell'Aja
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Motogp, a Misano Marquez beffa Petrucci

Motogp, a Misano Marquez beffa Petrucci
0 commenti, , articolo di , in Sport

MISANO ADRIATICO, 10 SETTEMBRE - Marc Marquez si è aggiudicato il Gran Premio di MotoGp di San Marino. Sul Misano World Circuit Marco Simoncelli lo spagnolo della Honda ha beffato l’italiano Danilo Petrucci, scavalcandolo all’ultimo giro. Terza la Ducati di Andrea Dovizioso, seguita dalla Yamaha di Maverick Viñales, che partiva dalla pole position. Si tratta della quarta vittoria stagionale per il pilota della Honda che ora in classifica generale ha agganciato Dovizioso portandosi a 199 punti, pari merito con l’italiano. 

La gara

La pioggia che si è abbattuta sulla pista di Misano ha condizionato inevitabilmente la gara, tra cadute e ritiri. In pole c’era Viñales, in sella alla Yamaha, “orfana” di Valentino Rossi - out dopo l’infortunio rimediato una settimana fa in allenamento - , ma a partire subito forte è stato Jorge Lorenzo. Il pilota Ducati ha condotto la gara in testa fino al settimo giro, quando è stato suo malgrado protagonista di un pauroso high side che lo ha costretto a tornare ai box e dunque ad abbandonare la corsa.

Dopo la caduta di Lorenzo è stato l’italiano Danilo Petrucci a prendere il comando, seguito a vista da Marquez che è rimasto ad osservare fino a tre giri dalla fine, quando si è riportato sul pilota della Ducati del team Pramac e ha iniziato a tallonarlo, per poi superarlo alla prima curva dell’ultimo giro.

Ha scelto di essere prudente ed evitare errori, invece, Andrea Dovizioso, giunto terzo, staccato di dieci secondi e mezzo da Marquez. Il pilota Ducati ha preferito non correre grossi rischi, come dichiarato da lui stesso nel post gara: “Sono stato al limite per tutta la gara – ha detto - ci sono state tante cadute, a dimostrazione che c’era poco grip ed era difficile non fare un errore”. Il centauro italiano resta in testa al mondiale, ma ora è a pari merito con il pilota della Honda.

Gara “anonima” per Viñales, il quale si è accontentato del quarto posto che gli ha comunque permesso di portare a casa punti importanti per il campionato, e per Daniel Pedrosa, scivolato nelle retrovie.
Ottimo quinto posto, invece, per l’italiano Michele Pirro, collaudatore Ducati. Dietro di lui Scott Redding del team Pramac e Alex Rins con la Suzuki. Ritirato invece l’altro pilota della Suzuki Andrea Iannone, per un problema fisico. Nono tempo Jonas Folger, davanti alle due KTM di Bradley Smith e Pol Espargaro.

Mondiale ancora aperto

A meno cinque Gran Premi dalla fine del Motomondiale, la lotta per la conquista del titolo finale è dunque ancora aperta. In testa a pari punti, come detto, ci sono Marquez e Dovizioso, seguiti da Vinales, a 183 e Valentino Rossi, quarto a 42 lunghezze.

Prossimo appuntamento con la MotoGp, domenica 24 settembre per il Gran Premio di Aragon.
 

[foto: .ilpost.it]

Antonella Sica

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image