• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Radio Maria: la tragedia del Giappone è il giusto castigo di Dio

Lazio

ROMA- 22 MARZO. Dimentichiamo Wegener, la deriva dei continenti e la tettonica a zolle: le vere cause del terremoto in Giappone ce le spiega Roberto de Mattei, vicepresidente del CNR, ospite del’emittente Radio Maria:

[MORE]


“Le grandi catastrofi sono una voce paterna della bontà di Dio, che ci richiama al fine ultimo della nostra vita. Se la terra non avesse catastrofi, eserciterebbe su di noi un fascino irresistibile, e non ricorderemmo che siamo cittadini del cielo. In secondo luogo, come osserva l’arcivescovo di Rossano Calabro, le catastrofi sono i giusti castighi di Dio. Alla colpa del peccato originale si aggiungono le nostre colpe personali e quelle collettive, e mentre Dio premia e castiga nell’eternità, è sulla terra che premia o castiga le nazioni”.
Ospite della trasmissione “Radici Cristiane”, de Mattei sposa la teoria dell’arcivescovo di Rossano Calabro che, evidentemente, riveste un’autorità anche scientifica che non conoscevamo. Le teorie di de Mattei, del resto, ci erano note già dal 2009, quando pubblicò sotto l’egida del Consiglio Nazionale delle Ricerche gli atti del convegno di stampo creazionista “Evoluzionismo. Il tramonto di un’ipotesi”, che destò non poche perplessità nel mondo scientifico,tanto che anche il presidente del CNR Luciano Maiani se ne dissociò con un eloquente comunicato stampa: “In occasione dell’anno darwiniano, nel bicentenario della nascita di Charles Darwin, il Prof. Roberto de Mattei, Vice Presidente del CNR, ha promosso un workshop internazionale che si è svolto presso la sede centrale dell’Ente lo scorso 23 febbraio. L’incontro non ha gravato finanziariamente sul CNR. Le relazioni svolte nel corso del seminario sono state pubblicate in un libro a cura del Prof. de Mattei dal titolo “Evoluzionismo: il tramonto di una ipotesi”, edito dalle Edizioni Cantagalli. L’Ufficio Pubblicazioni e Informazioni scientifiche ha concesso un modesto contributo finanziario per la stampa, secondo le procedure ordinarie e in autonomia. Il volume non esprime la voce ufficiale del CNR”.
Ancora de Mattei su Radio Maria: “Dio non può fare che il terremoto colpisca il colpevole e salvi l'innocente. E' chiaro che talvolta salva l'innocente con un miracolo, ma non è obbligato. Il colpevole, quindi, si trova nella stessa condizione dell'innocente. La sua morte è l'esecuzione di un decreto di colui che è padrone della vita e della morte. Perché meravigliarsi quando vediamo fanciulli innocenti morire sotto le macerie?”.
Evidentemente de Mattei è bene informato sulle intenzioni di Dio, ma a molti non piace l’idea che sia a capo del maggior comitato di promozione scientifica del paese. Stefano Moriggi, professore di Filosofia della Scienza all’Università di Bergamo, ha lanciato un appello per chiedere le dimissioni di de Mattei.