• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Spazi pubblicitari
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Rifiutata l'iscrizione all'asilo di un bambino di 5 anni perchè affetto da fibrosi cistica

Calabria

CATANZARO, 04 GENNAIO 2013 - Ad un bambino di cinque anni è stata negata l'iscrizione all'asilo, poichè affetto da fibrosi cistica. E' accaduto a Montepaone Lido, in provincia di Catanzaro, e lo ha reso noto Silvana Mattia Colombi, la Presidente della "Lega Italiana Fibrosi Cistica", l'associazione Onlus che ha inviato una lettera al Ministero dell'Istruzione per denunciare il fatto.

La questione emerse già nel mese di Novembre 2012, quando l'asilo "Suor Salvatorina Casadonte" ha rifiutato il bimbo, ma quest'oggi sono pervenuti maggiori dettagli. Secondo quanto è stato dichiarato dall'associazione, la motivazione data ai genitori sarebbe stata: «Il nostro istituto non può essere scambiato per un ospedale e non può quindi assistere persone affette da malattie infettive».

La spiegazione fornita dimostra che il personale della scuola d'infanzia non possiede le competenze specifiche per giudicare il caso: infatti, la fibrosi cistica, non è una malattia infettiva. I genitori del bambino avrebbero cercato di spiegare, invano, il fatto che il suo problema non costituisce alcun pericolo per gli altri bimbi.[MORE]

Silvana Mattia Colombi ha commentato a nome dell'associazione: «Il fatto è estremamente grave perchè un bambino affetto da fibrosi cistica è un bambino dall'aspetto normale e dall'intelligenza vivace che però lotta tutta la vita contro una malattia subdola e progressiva che colpisce soprattutto l'apparato respiratorio e digestivo».

La Presidente della "Lega Italiana Fibrosi Cistica" ha aggiunto: «Gli ostacoli sono ancora una volta posti proprio da quelle istituzioni che dovrebbero tutelare il bambino e consentirgli un totale e sereno inserimento scolastico e sociale e che, invece, con troppa superficialità, lo hanno discriminato, negandogli alcuni dei suoi diritti fondamentali quali la formazione e la socializzazione».

Mentre si attendono i provvedimenti del Ministero, il bimbo è stato iscritto dai genitori presso un asilo della cittadina di Soverato, che si trova distante dall'abitazione della famiglia. La lettera scritta dalla Presidente della Onlus è stata inoltre inviata al Sindaco della cittadina di Montepaone, all'Ufficio Scolastico Regionale ed a quello Provinciale.

(In foto un'aula dell'asilo "Suor Salvatorina Casadonte", da montepaoneweb.com)

Alessia Malachiti