Russia, la Corte suprema mette al bando i Testimoni di Geova - InfoOggi.it

Breaking News
  • Turchia, raid aerei contro basi curde in Siria e Iraq
  • Torino, arrestato uomo di 29 anni per terrorismo. Pianificava attentati
  • Corea del Nord, ancora tensione con gli Usa
  • Alitalia, al referendum vince il No
  • Gli Usa non escludono raid in caso di un test nucleare della Corea del Nord
  • Gabriele Del Grande in Italia: "Sto bene, non ho ancora capito perché sono stato fermato"
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Russia, la Corte suprema mette al bando i Testimoni di Geova

Russia, la Corte suprema mette al bando i Testimoni di Geova
0 commenti, , articolo di , in Estero

MOSCA, 21 APRILE - La Corte Suprema russa, accogliendo una richiesta del ministero della Giustizia, ha vietato tutte le attività del movimento religioso dei testimoni di Geova in Russia e ne ha confiscato tutti i beni, perché considerati estremisti pricolosi. Non appena la sentenza entrerà in vigore, 175mila fedeli russi rischieranno multe tra 300mila e 600mila rubli (circa 5mila-10mila euro) e il carcere da sei a 10 anni se saranno trovati a professare la loro fede.



Sivulskij, portavoce della congregazione russa, commenta: "Siamo scioccati da quest'ingiustizia. Durante il processo il ministro della Giustizia non ha presentato alcuna prova d'estremismo. Abbiamo semmai ascoltato numerose testimonianze inconfutabili sulla nostra innocenza. Siamo tornati all'era sovietica quando noi Testimoni di Geova eravamo perseguitati". E continua raccontando: "Mio padre trascorse sette anni in prigione, inclusi sei mesi in isolamento. Mia madre, appena diciottenne, venne condannata a 10 anni di carcere. Fu rilasciata dopo quattro grazie a un'amnistia alla morte di Stalin, ma dovette andare in esilio in Siberia insieme alla sua famiglia".

Jaroslav ha annunciato che la congregazione presenterà appello e ricorso presso la Corte europea per i diritti umani: " Sembrava che avessimo riconquistato la libertà, ma non è così. Andremo in prigione di nuovo. Non smetteremo di credere nel nostro Dio e di praticare la nostra religione. Non abbiamo smesso sotto il regime sovietico, non smetteremo nel ventunesimo secolo. Non ci arrendiamo".

La magistratura russa accusa i Testimoni di Geova di minare l'armonia della società e considera "sediziose" le loro pubblicazioni perché "dipingono le altre religioni in chiave negativa", invitano a non votare e a evitare il servizio militare.


Maria Minichino


(fonte immagine lastampa.it)

Maria Minichino

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image