Siria: liberata Raqqa, la "capitale" dell'Isis

by Daniele Basili in Estero17/10/2017
Condividi Tweet Pin it

BARI, 17 OTTOBRE 2017 - Le Forze democratiche siriane (Sdf), a predominanza curda e sostenute dalla Coalizione internazionale a guida Usa, hanno confermato di avere interamente strappato Raqqa al controllo dell'Isis. L'annuncio era stato anticipato dall'Osservatorio per i diritti umani (Ondus). 

Le milizie filo-americane hanno issato la propria bandiera all'interno dello stadio di quella che era la "capitale" del Califfato, ultimo bastione dell'Isis. Secondo fonti sul luogo, nei dintorni proseguono sporadici combattimenti.

In base ad un accordo raggiunto tra le Forze democratiche siriane e lo Stato islamico, con la mediazione di capi tribali locali, centinaia di jihadisti e migliaia di civili erano stati evacuati domenica.

Secondo l'Ondus, sono oltre 3mila, tra cui più di mille civili, le persone uccise in un anno di battaglia per la conquista di Raqqa. L'offensiva era cominciata ai primi di novembre del 2016. In particolare, l'Ondus afferma che in tutto sono morte 3.250 persone, di cui 1.130 civili. Altre fonti non indipendenti parlano, invece, di 3.500 uccisi tra le file dello Stato Islamico e circa 400 morti tra le forze curde e della Coalizione anti-Isis.

Daniele Basili

immagine da lindro.it