Tre sardi al Parlamento Europeo. Soru del PD è il più votato; lo seguono Moi (M5S) e Cicu (FI)

109
Scarica in PDF
Ricevi gli aggiornamenti direttamente sul tuo MESSENGER!
CAGLIARI, 27 MAGGIO 2014 – Nonostante la circoscrizione unica con la popolosa Sicilia, gli el...

CAGLIARI, 27 MAGGIO 2014 – Nonostante la circoscrizione unica con la popolosa Sicilia, gli elettori della Sardegna sono riusciti ad assicurarsi ben tre rappresentanti sardi nel parlamento europeo. Il primo, nonché il candidato più votato del collegio insulare, è l’ex presidente della Regione Renato Soru; mister Tiscali ha raccolto 183.380 preferenze, quarantamila delle quali in terra siciliana, e si è accaparrato così uno dei tre seggi conquistati dal Partito Democratico. Il Movimento 5 Stelle ottiene invece due seggi, uno dei quali occupato da Giulia Moi, che ha ottenuto 63.218 voti totali (51.715 in Sardegna). il terzo sardo a volare a Bruxelles è l’ex Segretario alla Difesa Salvatore Cicu che, grazie alle 51.331 preferenze, avrà uno dei due seggi spettati a Forza Italia.

I SARDI NON ELETTI. Non sono stati riconfermati i due consiglieri uscenti; Maddalena Calia, del Nuovo Centro Destra, si è fermata a quota 9.027, mentre Giommaria Uggias, dell’Italia dei Valori, ha chiuso la tornata elettorale con 4.299 voti.

Nel Movimento 5 Stelle ha ottenuto un grande successo anche Nicola Marini, ma le 63.112 preferenze non gli sono bastate per ritagliarsi un posto nell’europarlamento. Candidata con Forza Italia, Antonella Chiavacci non è andata oltre quota 6.268, mentre Angela Scarpa del Ncd si è fermata a 5.366 voti. Con Fratelli d’Italia hanno corso Salvatore Deidda (5.789 preferenze) e Simone Testoni (2.367); non sono passati nemmeno i due leghisti Mauro Morlè e Mirko Valenti, che hanno avuto, rispettivamente, 902 e 653 voti. Tra le fila di Scelta Europea troviamo invece Anna Maria Busia (3.488) e Mario Carboni (449). Scese in campo con L’altra Europa per Tsipras, non sono riuscite ad accedere al parlamento europeo nemmeno Elena Ledda (13.708 voti) e Simona Lobina (6.141); infine, ferma a 731 preferenze, c’è Maria Cristina Pusceddu di Green Italia.

(Foto da: notizie.tiscali.it)

Vanna Chessa

InfoOggi.it Il diritto di sapere