Attentato Berlino, si cerca un tunisino, è stato in carcere in Italia per quattro anni - InfoOggi.it

Breaking News
  • Napoli, esplode bombola a gas: un morto e 5 feriti
  • Roma, truccavano la manutenzione dei bus Cotral: 50 indagati
  • Milano, donna uccisa in casa: il marito confessa l'omicidio
  • Istat, Italia in deflazione: non accadeva dal 1959
  • Serie A, Fiorentina - Juventus 2-1. Quarta sconfitta per i bianconeri. Stasera Torino - Milan
  • Migranti: Ministro Minniti presenta il nuovo pacchetto sull'immigrazione
  • Trump, anche gli europei potrebbero avere delle limitazioni per i viaggi in Usa
  • India, uomo confessa di aver stuprato 500 bambine
  • Santa Maria Capua Vetere, uomo uccide la moglie e si suicida
  • Samsung: mandato d'arresto per il vice presidente Lee Jae-Yong
  • Kirgizistan: Tragedia aereo cargo turco si schianta sulle case, 32 morti
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Attentato Berlino, si cerca un tunisino, è stato in carcere in Italia per quattro anni

Attentato Berlino, si cerca un tunisino, è stato in carcere in Italia per quattro anni
0 commenti, , articolo di , in Estero

BERLINO, 22 DICEMBRE - Il tunisino Anis Amri, un tunisino di ventiquattro anni, è ricercato dalla polizia tedesca e dei Paesi confinanti, per essere sospettato di essere responsabile dell'attacco avvenuto a Berlino contro i mercatini di Natale. Su di lui hanno posto una taglia di centomila Euro.

Anis era arrivato in Italia nel 2011 e aveva partecipato all'incendio del centro di accoglienza di Lampedusa. Per questo motivo era stato incarcerato per quattro anni all'Ucciardione e, in seguito, sarebbe stato espulso. Il suo Paese, però, lo aveva rifiutato, così si sarebbe spostato in Germania nel 2015.

La polizia avrebbe trovato i suoi documenti nel tir che ha travolto la folla lunedì sera, nel centro di Berlino, e due appartamenti sono stati perquisiti nella zona di Kruezberg, senza però trovare il ragazzo.

"Sappiamo che è arrivato nel 2015 a Friburgo, che si spostava continuamente tra Nord-Reno-Westfalia, Berlino e altri posti. Da febbraio del 2016 era soprattutto a Berlino, ma ogni tanto tornava, brevemente, in Nord-Reno-Westfalia. Era sospettato di preparare un 'grave attentato contro lo Stato' da diverse amministrazioni locali, tra cui il nostro Land. A luglio 2016 gli era stata rifiutata la richiesta di asilo ma non poteva essere rimpatriato perché la Tunisia aveva sostenuto non si trattasse di un cittadino tunisino. Guarda caso, i documenti su di lui che avevamo chiesto alla Tunisia sono arrivati oggi", ha dichiarato Ralf Jaeger, il ministro degli Interni del Nord-Reno-Westfalia.

Secondo le prime indagini, le cui notizie sono state diffuse dalle agenzie di stampa tedesche, era in contatto con alcune cellule estremiste dello Stato Islamico presenti in Germania.

Chiara Fossati

immagine da www.ilpost.it

 

 

Chiara Fossati

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image