• Scrivi una notizia
  • Sostienici
  • Privacy Policy
  • Feed Rss

Bandiere blu 2017, Liguria regina del mare eccellente

Liguria

CAMOGLI, 8 MAGGIO - Anche quest'anno la Liguria si conferma come la regina del mare pulito con 27 località, due in più rispetto al 2016. Nel complesso, salgono a 342 le spiagge italiane sulle quali sventolerà la bandiera blu, assegnata dalla Foundation for Environmental Education (FEE) per questa trentesima edizione a 163 Comuni e 67 approdi turistici sulla base di 32 criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio.

Al secondo posto, seguono come già accaduto lo scorso anno, la Toscana con 19 località e le Marche con 17. Secondo quanto appreso, nel "complesso in un anno la situazione è migliorata: da 293 spiagge doc si è passati a 342, pari a circa il 5% di quelle premiate a livello mondiale; da 152 si è passati a 163 Comuni, 11 in più rispetto al 2016 (13 nuovi ingressi, mentre 2 sono usciti)".

La Fee spiega che i 67 approdi premiati dimostrano che la portualità turistica ha consolidato le scelte di sostenibilità intraprese, rispondendo ai requisiti previsti per l'assegnazione internazionale, garantendo la qualità e la quantità dei servizi erogati nella piena compatibilità ambientale.[MORE]

"È con soddisfazione che annunciamo anche per il 2017, un aumento di comuni Bandiera Blu, ben 163", ha dichiarato Claudio Mazza, presidente della Fee Italia. Mazza ha poi specificato: "È un percorso che porta in maniera dinamica ed efficace le amministrazioni locali a cogliere nuove sfide per la gestione sostenibile del territorio, mettendo al centro la connessione terra-mare, la salute del mare è strettamente correlata alla gestione del territorio".

Per ottenere la certificazione di qualità ambientale delle località turistiche balneari, nel sito ufficiale della Fee è indicato che ai fini della valutazione "la qualità delle acque di balneazione e considerata un criterio imperativo, solo le località le cui acque sono risultate eccellenti, possono presentare la propria candidatura". Tra gli altri criteri presi in esame - viene precisato - si trovano anche: "la depurazione delle acque reflue, la gestione dei rifiuti, la regolamentazione del traffico veicolare, la sicurezza ed i servizi in spiaggia".

Luigi Cacciatori

Immagine da italymagazine.com