I cani possono entrare in chiesa? [COMMENTA] - InfoOggi.it

Breaking News
  • Cavo si stacca da giostra e colpisce bimba alla testa: salva
  • Nave Diciotti attracca a Catania. Salvini ferma lo sbarco
  • A Civita la pioggia ingrossa un torrente: ci sarebbero delle vittime 
  • Salvini vuole nazionalizzare Autostrade e ammette di aver votato il "Salva Benetton"
  • Salvini in visita a Messina: "Incredibile che la gente viva in mezzo ai topi
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

I cani possono entrare in chiesa? [COMMENTA]

I cani possono entrare in chiesa? [COMMENTA]
10 commenti, , articolo di , in Editoriale

ROMA – In seguito a molte segnalazioni dei lettori, la redazione di Info Oggi si occuperà di una spinosa questione che riguarda gli amanti degli amici a quattro zampe e in particolare la possibilità di accedere ai luoghi sacri insieme ai propri adorati animali domestici.
Per quanto riguarda la legislazione non esiste una vera e propria normativa che regoli l’accesso degli animali nei luoghi di culto; le uniche leggi che ne consentono l’accesso sono la n. 60 del 2006 e la n. 37 del 1974, ma riguardano solo i cani accompagnatori di non vedenti, che hanno via libera in qualsiasi luogo pubblico e privato senza alcuna restrizione.

Quindi accettare animali in chiesa è totalmente a discrezione del sacerdote, o di chi ne fa le veci. In effetti spesso, sia per ignoranza legislativa che per eccesso di zelo, tali ministri di culto tendono ad allontanare i fedeli che entrano in chiesa accompagnati, e il caso Cassone di Malcesine, in provincia di Verona, risalente a più di un anno fa, scaturì, in tal senso, aspre polemiche. Difatti il sacerdote aveva allontanato una fedele non vedente solo perché accompagnata dal suo cane guida.

Tra le mail arrivate in redazione ne segnaliamo una che racconta l’avventura vissuta da una visitatrice del Pantheon di Roma, il quale – si ricorda – oltre ad essere monumento nazionale è anche un luogo di culto intitolato a Santa Maria ad Martyres.
Nella mail si legge che domenica scorsa la visitatrice in questione si trovava all’interno del monumento e mentre era affascinata dalle sue bellezze, veniva avvicinata da un addetto alla vigilanza che rudemente la invitava ad uscire poiché era in compagnia del suo Piccola, un cane di razza meticcia.

Alle proteste della donna, il personale di servizio sosteneva che potevano entrare in chiesa solo cani di piccola taglia. Ma Piccola, come dice il nome, è una simpatica cagnetta di 4 anni e nonostante ciò si è trovata, suo malgrado, ad essere messa alla porta.
La lettrice giustamente si chiede se sia logico vietare l’accesso ad animali in luoghi come il Pantheon visto che ormai, il costume comune della società vuole che gli amici a 4 zampe siano a tutti gli effetti esseri viventi protetti dalle leggi.
Ma soprattutto nota l’incongruenza della dottrina ecclesiastica, in base alla quale il 4 ottobre viene celebrata la “Giornata degli animali” con la consueta benedizione pubblica. Tale festa è in ricordo di San Francesco d’Assisi che considerava gli animali come fratelli e sorelle in quanto creature di Dio.

Allora la domanda sorge spontanea: la chiesa ha il dovere di abbracciare solo i fedeli che hanno il dono della parola, oppure ogni essere vivente in quanto creatura divina?

Foto tratta da un’affresco nella chiesa di Santa Maria della Vittoria a Gubbio
 

10 commenti

Nives ha scritto:
08/04/2014, 11:45

Ad Assisi, nella chiesa di San Francesco, mi sono vista vietare l'accesso perché accompagnata da una piccola maltese, tra l'altro tenuta in braccio. Il custode mi detto di legar la all'esterno come fanno tutti. Io mi chiedo quale fastidio può arrecare un cane? Non è quindi considerata creatura del Signore? Ma soprattutto proprio nella Chiesa di chi amava gli animali?

elisa ha scritto:
26/10/2013, 21:33

Questa sera nella chiesa di Sant'Eustachio a Salerno si è verificato un episodio analogo, dopo la fine della messa sono stata richiamata dal prete in modo duro e minaccioso perchè ero in compagnia del mio piccolo barboncino nano, il prete si è permesso di dirmi che non avevo avuto rispetto per il Signore portando con me il mio piccolo cane a Messa....................Sono sconvolta........... invitandomi tra l'altro ad andare in un'altra chiesa se avessi voluto continuare a portare il cane con me.........SENZA PAROLE........

Serena ha scritto:
22/02/2013, 16:36

Credo che uno dei pochi esseri viventi che riesce ad amare come Dio sia proprio il cane che ama al di la di tutto e che se ferito picchiato mal nutrito ti amerà. Credo e sono certa che tanta gente sia solo ignorante

patrizia battistella ha scritto:
12/09/2012, 13:51

Penso che non ci sarebbe nulla di sacrilego nel fare entrare i cani, col proprietario, in Chiesa. Il problema è che questi dovrebbero essere animali ben educati verso l'ambiente, le persone ed eventuali altri cani che potrebbero trovarsi in Chiesa. Poi, opportuno sarebbe che i proprietari fossero altrettanto educati: non possiamo pensare che i cani espletino i loro bisogni in Chiesa: se ti fanno la pipì sulla porta di casa tua, penso dia fatidio...... Io amo molto gli animali e mi prodigo per loro, ma sono una di quelle persone che capisce benissimo che non potrebbe portare in Chiesa il suo cagnolino (5 kili e ha sette anni)poichè, è molto buono, ma abbaia a quasi tutto e da dopo che è stato aggredito più volte, è insofferente, non a tutti, ma a diversi cani.... che fare? Lo lascio a casa, non penso che sia quell'ora di Messa a traumatizzarlo!L'importante è che non lo si lasci troppo solo. La gente andrà pure a lavorare.....e quando lavora? Lo portano al lavoro? Anch'io lo vorrei sempre con me, ma purtroppo non sempre è possibile.

Adele Visentini ha scritto:
17/11/2010, 19:48

Sam sam giudichi sul sentito dire non su certezze frequenta la chiesa poi dai una considerazione in chiesa va chi si sente peccatore non Santo e Santo solo dopo che è con Gesù ( chi le ha riferito non sa e non credo che frequenti con fede lei è libero di pensare e di agire non deve rendere conto ne a me ne a nessuno ma solo a Dio

graziano ha scritto:
17/11/2010, 14:48

sinceramente non vado in chiesa, ma che non vi possa entrare il mio "migliore amico" rafforza la mia scelta. chi non ama e rispetta gli animali non ama neanche gli esseri umani......e tanto basta

Sam ha scritto:
17/11/2010, 10:41

A me risulta che chi va in chiesa si reputa un Santo con tanto di S maiuscola, considerando le altre persone poveracci nemmeno degne di parola. Da qui ribadisco che il 99% delle persone va in chiesa per avere la coscienza apposto e poter dire di essere un bravo cristiano, tralasciando nella vita reale quelli che i sono i reali e sacri crismi spirituali che bisogenerebbe attuare quotidianamente.

Francesco Jembo ha scritto:
17/11/2010, 07:14

Sam commetti un errore guarda che in in chiesa Va il peccatore il santo e' con Gesu'

Sam ha scritto:
17/11/2010, 00:04

Più che i cani, il 99% delle persone non potrebbe entrare in chiesa

Adele Visentini ha scritto:
16/11/2010, 21:45

Desidero sottolineare che: Il sacerdote ha ammesso di aver sbagliato, ma ha anche affermato che i cani in chiesa non possono entrare. Credo che la chiesa non c'è l'ha con i cani e con nessun animale perchè creare vespai per screditare la chiesa ? non è giusto cito un piccolo passo della Bibbia ( “Mosè, togliti i calzari. Perché la terra che calpesti è terra sacra!”. La chiesa è Luogo Sacro..... Adele Visentini

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image