I <3 New York: un simbolo che ha fatto il giro del mondo oggi acquista dignità di parola - InfoOggi.it

Breaking News

    Warning: Missing argument 1 for mostraBreakingNewsByTime(), called in /web/htdocs/www.infooggi.it/home/include/navbar.phtml on line 67 and defined in /web/htdocs/www.infooggi.it/home/include/routine.php on line 2329
  • Istat, tasso di disoccupazione italiano in settembre sale al 12,6%
  • Perquisizioni dei Nas in 9 province italiane: farmaci veterinari illeciti su bovini
  • Fisco, il governo approva il 730 precompilato
  • Istat: il 28,4% degli italiani rischia la povertà
  • Tk-Ast, Camusso al premier: «Abbassare i manganelli dell’ordine pubblico
  • De Magistris torna sindaco di Napoli: accolto ricorso dal Tar
  • Milano, mamma in gravidanza clinicamente morta. Si tenta di salvare il feto
  • Scontri operai Ast Terni, i dimostranti: "Siamo stati manganellati"
  • Roma, arrestato direttore regionale del Lazio dell'Agenzia Demanio
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

I <3 New York: un simbolo che ha fatto il giro del mondo oggi acquista dignità di parola

I <3 New York: un simbolo che ha fatto il giro del mondo oggi acquista dignità di parola
0 commenti, , articolo di , in Cultura e Spettacolo

NEW YORK 1977- Ed Koch, l’allora sindaco democratico della città di New York, mostrò per la prima volta una t-shirt con la scritta I <3 New York per invitare i cittadini newyorkesi ad amare e rispettare la città a dispetto di tutti i problemi che presentava. La scritta, e con il tempo anche la t-shirt, divenne più famosa del messaggio che sponsorizzava.


I <3 New York divenne, infatti, una sorta di ritornello di cui tutti oggi, pur non conoscendo la storia, colgono il significato sui capi di abbigliamento, sui cartelloni pubblicitari, sui gadgets o, persino, sui muri. Vita autonoma ha poi avuto il solo simbolo(<3): un cuoricino che rimanda al verbo “amare” e, per una questione di economia di tempo e spazio, oggi viene utilizzato nella scrittura digitale e non con quasi più frequenza del verbo stesso.

LONDRA 2011- Il nuovo Oxford English Dictionary, all’interno dell’ultima edizione, per la prima volta introduce un simbolo grafico tra le sue voci, smentendo la credenza comune che vede il dizionario unicamente come un libro con il significato di tutte le parole esistenti.
Questo può, forse, indurci a pensare che un oggetto cult (in questo caso la famosissima t-shirt) sia in grado di diventare un codice di linguaggio talmente forte da conferire a un simbolo il potere di riportare l’uomo a divenire un essere che, pur dotato di affinata capacità di parola, preferisce comunicare con i segni come all’inizio della sua storia?

MARIAZZURRA PASCALI

Mariazzurra Pascali
Mariazzurra Pascali

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.
CAPTCHA Image