I <3 New York: un simbolo che ha fatto il giro del mondo oggi acquista dignità di parola - InfoOggi.it

Breaking News
  • Istanbul, strage all'aeroporto: 41 morti e 240 feriti. Attacco forse riconducibile all'Isis
  • Firenze: killer italiano uccide una donna e un trans e fugge
  • Rifiuti, Campania: danno erariale per 27 milioni per omessa bonifica
  • Dl banche: via libera definitivo della Camera, è legge
  • Terrorismo, nuove minacce alla redazione di Charlie Hebdo
  • Scotty Moore: morto lo storico chitarrista di Elvis Presley
  • Pavia, uccide la compagna davanti alla figlia di 12 anni: arrestato
  • Terrore a Istanbul strage in aeroporto poi kamikaze si fa esplodere "Ataturk" [Video Strage]
  • Strage di Altamura: 30 anni di reclusione al sicario
  • Ikea: in Usa stop alla vendita di cassettiere Malm che avrebbero provocato la morte di 6 bambini
  • Brexit: Parlamento Ue vota per uscita 'immediata' del Regno Unito
  • Modena, donna trovata morta in un frigorifero: arrestato l'ex convivente
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

I <3 New York: un simbolo che ha fatto il giro del mondo oggi acquista dignità di parola

I <3 New York: un simbolo che ha fatto il giro del mondo oggi acquista dignità di parola
0 commenti, , articolo di , in Cultura e Spettacolo

NEW YORK 1977- Ed Koch, l’allora sindaco democratico della città di New York, mostrò per la prima volta una t-shirt con la scritta I <3 New York per invitare i cittadini newyorkesi ad amare e rispettare la città a dispetto di tutti i problemi che presentava. La scritta, e con il tempo anche la t-shirt, divenne più famosa del messaggio che sponsorizzava.


I <3 New York divenne, infatti, una sorta di ritornello di cui tutti oggi, pur non conoscendo la storia, colgono il significato sui capi di abbigliamento, sui cartelloni pubblicitari, sui gadgets o, persino, sui muri. Vita autonoma ha poi avuto il solo simbolo(<3): un cuoricino che rimanda al verbo “amare” e, per una questione di economia di tempo e spazio, oggi viene utilizzato nella scrittura digitale e non con quasi più frequenza del verbo stesso.

LONDRA 2011- Il nuovo Oxford English Dictionary, all’interno dell’ultima edizione, per la prima volta introduce un simbolo grafico tra le sue voci, smentendo la credenza comune che vede il dizionario unicamente come un libro con il significato di tutte le parole esistenti.
Questo può, forse, indurci a pensare che un oggetto cult (in questo caso la famosissima t-shirt) sia in grado di diventare un codice di linguaggio talmente forte da conferire a un simbolo il potere di riportare l’uomo a divenire un essere che, pur dotato di affinata capacità di parola, preferisce comunicare con i segni come all’inizio della sua storia?

MARIAZZURRA PASCALI

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image