Torino, primo caso di ricostruzione di femore con omero donato su un bimbo - InfoOggi.it

Breaking News
  • Napoli, esplode bombola a gas: un morto e 5 feriti
  • Roma, truccavano la manutenzione dei bus Cotral: 50 indagati
  • Milano, donna uccisa in casa: il marito confessa l'omicidio
  • Istat, Italia in deflazione: non accadeva dal 1959
  • Serie A, Fiorentina - Juventus 2-1. Quarta sconfitta per i bianconeri. Stasera Torino - Milan
  • Migranti: Ministro Minniti presenta il nuovo pacchetto sull'immigrazione
  • Trump, anche gli europei potrebbero avere delle limitazioni per i viaggi in Usa
  • India, uomo confessa di aver stuprato 500 bambine
  • Santa Maria Capua Vetere, uomo uccide la moglie e si suicida
  • Samsung: mandato d'arresto per il vice presidente Lee Jae-Yong
  • Kirgizistan: Tragedia aereo cargo turco si schianta sulle case, 32 morti
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Torino, primo caso di ricostruzione di femore con omero donato su un bimbo

Torino, primo caso di ricostruzione di femore con omero donato su un bimbo
0 commenti, , articolo di , in Scienza & Tecnologia

 TORINO, 13 OTTOBRE - La Chirurgia oncologica ortopedica della Città della Salute di Torino è la protagonista di una pagina della letteratura mondiale senza precedenti: l'equipe di Raimondo Piana, il direttore, due anni fa ha effettuta un intervento su un bambino di 6 anni affetto da osteosarcoma primitivo, un tumore delle ossa letale.

L'operazione Durante l'intervento i medici hanno ricostruito e sostituito il femore con un omero rovesciato, un osso di banca da donatore proveniente dalla Banca dei tessuti. Il procedimento messo in atto in sala operatoria ha previsto l'asportazione della parte distale del femore, l'articolazione del ginocchio.

Per la prima volta su un bambino così piccolo, l'operazione ha visto l'utilizzo di un omero, in alternativa al femore, per le piccole dimensioni del ginocchio. Il tutto è stato collegato al femore del paziente con una placca e al ginocchio ricostruendo la capsula e tutti i legamenti, preservando la tibia del paziente.

Il passo avanti compiuto dalla medicina mondiale su un tumore raro, con un'incidenza di soli 150 casi in n anno in italia, è stato possibile grazie ad un approccio multidisciplinare che incorpora chemioterapia, radioterapia e chirurgia e oltre a dare speranza a centinaia di famiglie, ha salvato con lo stupore di tutti la vita del bambino, che dopo 2 anni di cure potrà tornare a giocare.

 

Maria Azzarello 

 

 fonte immagine: ansa.it

Maria Azzarello

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image