Torino, primo caso di ricostruzione di femore con omero donato su un bimbo - InfoOggi.it

Breaking News
  • Crisi idrica a Roma, botta e risposta tra Zingaretti e Acea
  • Svizzera, uomo armato di motosega ferisce 5 persone
  • I genitori di Charlie annullano la richiesta di andare negli Usa: "Non c'è più tempo"
  • Russiagate, Kushner ammette incontri con russi
  • Incendio a Messina: fermati tre minori
  • Israele: Netanyahu convoca il Consiglio di Difesa
  • Polonia, il presidente Duda respinge la riforma della giustizia: "limita l'autonomia dei giudici"
  • Francia: domani incontro tra Macron ed il primo ministro del governo di Tripoli
  • Facebook
  • Google
  • LinkedIn
  • OKNotizie
  • Segnalo

Torino, primo caso di ricostruzione di femore con omero donato su un bimbo

Torino, primo caso di ricostruzione di femore con omero donato su un bimbo
0 commenti, , articolo di , in Scienza & Tecnologia

 TORINO, 13 OTTOBRE - La Chirurgia oncologica ortopedica della Città della Salute di Torino è la protagonista di una pagina della letteratura mondiale senza precedenti: l'equipe di Raimondo Piana, il direttore, due anni fa ha effettuta un intervento su un bambino di 6 anni affetto da osteosarcoma primitivo, un tumore delle ossa letale.

L'operazione Durante l'intervento i medici hanno ricostruito e sostituito il femore con un omero rovesciato, un osso di banca da donatore proveniente dalla Banca dei tessuti. Il procedimento messo in atto in sala operatoria ha previsto l'asportazione della parte distale del femore, l'articolazione del ginocchio.

Per la prima volta su un bambino così piccolo, l'operazione ha visto l'utilizzo di un omero, in alternativa al femore, per le piccole dimensioni del ginocchio. Il tutto è stato collegato al femore del paziente con una placca e al ginocchio ricostruendo la capsula e tutti i legamenti, preservando la tibia del paziente.

Il passo avanti compiuto dalla medicina mondiale su un tumore raro, con un'incidenza di soli 150 casi in n anno in italia, è stato possibile grazie ad un approccio multidisciplinare che incorpora chemioterapia, radioterapia e chirurgia e oltre a dare speranza a centinaia di famiglie, ha salvato con lo stupore di tutti la vita del bambino, che dopo 2 anni di cure potrà tornare a giocare.

 

Maria Azzarello 

 

 fonte immagine: ansa.it

Maria Azzarello

0 commenti

Lascia il tuo commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto.
Ricorda che prima di essere visualizzato, il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dello staff.

Inviando un commento l'utente dichiara di aver letto ed accettato la seguente policy
CAPTCHA Image